stato dell'Europa occidentale, membro dell'Unione Europea
Europa > Francia

Francia è una nazione dell'Europa occidentale confinante con Spagna e Andorra a sud-ovest, con Belgio, Lussemburgo, Germania, Svizzera e Italia a est; inoltre si affaccia sul Mar Mediterraneo a sud, Mare del Nord e il canale della Manica a nord e con l'Oceano Atlantico ad ovest.

Francia
Torre Eiffel
Localizzazione
Francia - Localizzazione
Stemma e Bandiera
Francia - Stemma
Francia - Stemma
Francia - Bandiera
Francia - Bandiera
Capitale
Governo
Valuta
Superficie
Abitanti
Lingua
Religione
Elettricità
Prefisso
TLD
Fuso orario
Sito web

Da sapere

modifica

La Francia è il paese più visitato nel mondo (per numero di visitatori stranieri, da 37 anni), e lo stesso vale per Parigi, che è la prima città turistica in termini di arrivi (da 75 anni) e, infine, la Torre Eiffel che è il monumento più visitato del mondo. Molti sognano la sua gioia di vivere mostrata dagli innumerevoli caffè, dai villaggi pittoreschi e dalla gastronomia famosa in tutto il mondo. Alcuni vengono per seguire le tracce dei grandi filosofi, scrittori e artisti francesi, o per immergersi nella bellissima lingua che ha donato al mondo. Altri ancora sono attratti dalla diversità geografica del paese, con le sue lunghe coste, le imponenti catene montuose e i panorami mozzafiato dei terreni agricoli.

La Francia è uno dei paesi geograficamente più diversificati d'Europa, che contiene aree diverse tra loro come l'elegante Parigi, la soleggiata Costa Azzurra, le spiagge atlantiche battute dal vento, le località innevate delle Alpi francesi, i castelli rinascimentali della Valle della Loira, le aspre zone della Bretagna celtica e il sogno dello storico che è la Normandia.

Un paese noto per le ricche emozioni, la politica turbolenta, il pensiero razionale e i tesori dell’Illuminismo; qualunque cosa desiderate da una vacanza, la troverete in Francia.

Cenni geografici

modifica

La Francia è terzo stato più vasto d'Europa pertanto possiede una grande varietà di paesaggi, che spaziano dalle grandi pianure costiere del nord e dell'ovest, alle catene montuose che caratterizzano il sudest (Alpi) e il sudovest (Pirenei). La vetta più alta (in comune con l'Italia) è il Monte Bianco con i suoi 4.800 m. Ci sono anche altre regioni montane di più antica formazione, come le montagne della Corsica, il Massiccio Centrale, il Giura, i Vosgi, il Massiccio armoricano e le Ardenne che sono una regione molto rocciosa e boscosa.

I principali fiumi sono la Loira, il Rodano (le cui sorgenti sono in Svizzera), la Garonna (le cui sorgenti sono in Spagna), la Senna, parte del Reno, della Mosa, della Mosella, della Somme, della Vilaine.

Come eredità dell'epoca imperiale, sono molti i territori che appartenenti alla Francia situati al di fuori dell'area continentale europea.

Quando andare

modifica

Se possibile, è opportuno evitare le vacanze scolastiche francesi e le festività nazionali, in quanto la probabilità di trovare gli alberghi completamente prenotati è molto alta, inoltre il traffico stradale terribile. L'estate è calda e soleggiata in gran parte della Francia e spesso ci sono molti eventi che tentano il viaggiatore, che si tratti di festival locali, stagioni di concerti all'aperto o della festa nazionale annuale del 14 luglio. Tuttavia, si consiglia ai viaggiatori di evitare il mese di agosto, poiché è in questo periodo che apparentemente l'intera popolazione francese si dirige a sud per les vacances . Questo è il periodo dell'anno più trafficato per i trasporti, con il samedi noir (sabato nero; il primo del mese) che spesso vede fino a 1000 km di ingorghi sulla rete stradale. Inoltre, troverete molte attività commerciali locali, soprattutto nelle zone rurali e indipendentemente dal fatto che ci siano visitatori estivi nella zona, chiuse per tutto il mese. In assenza della gente del posto, orde di turisti stranieri affollano le principali attrazioni e città del paese, e Parigi in particolare può vedere le tariffe delle camere salire alle stelle.

Il clima è molto variegato, ma tendenzialmente ha inverni temperati ed estati miti su gran parte del territorio, e soprattutto a Parigi e in Normandia. Inverni miti ed estati calde lungo il Mediterraneo e nel sud-ovest (quest'ultimo molto piovoso in inverno). Inverni miti (molto piovosi) ed estati fresche nel nord-ovest (Bretagna). Inverni freddi ed estati calde lungo il confine tedesco (Alsazia). Inverni freddi e particolarmente generosi di neve nelle regioni montane come Alpi, Pirenei e Alvernia.

Cenni storici

modifica

La Francia è stata popolata fin dal Neolitico. La regione della Dordogna è particolarmente ricca di grotte preistoriche, alcune utilizzate come abitazioni, mentre altre come templi con notevoli dipinti di animali e cacciatori, come quelli rinvenuti a Lascaux.

Ascesa e caduta dell'Impero Romano

modifica
 
Rovine romane ad Avignone

La storia scritta inizia in Francia con l'invasione del territorio da parte dei Romani, tra il 118 e il 50 a.C. Il territorio che oggi si chiama Francia divenne parte dell'Impero romano, e i Galli (nome dato ai Celti locali dai Romani), che vivevano lì prima delle invasioni romane, divennero "Gallo-Romani" acculturati. I Galli vivevano anche in quella che oggi è l'Italia settentrionale e come tale la "Gallia Cisalpina" fu la prima area gallica a passare sotto il dominio romano. Successivamente, l'area dell'attuale Provenza passò sotto il controllo romano con il nome di "Gallia Transalpina" (Gallia al di là delle Alpi) e fu come governatore di questa provincia che Giulio Cesare manipolò la politica locale tra le tribù galliche in modo tale da combattere una guerra "difensiva" (ai governatori provinciali non era consentito lanciare una guerra offensiva di propria iniziativa) che si concluse con la conquista di tutta la Gallia e la sconfitta e la cattura del capo gallico e leader ribelle Vercingetorige nella battaglia di Alesia. Cesare e il suo confidente Aulo Hirtius (libro 8) scrissero una raccolta di libri sulla guerra conosciuta come De Bello Gallico, lodato per il suo linguaggio chiaro e conciso e una delle pochissime fonti antiche in cui un importante personaggio storico scrive delle proprie azioni. Cesare si riferisce a se stesso in terza persona nel libro, un tratto raramente non menzionato in rappresentazioni culturali come il fumetto francese Astérix, dove è uno scherzo ricorrente. Le azioni di Cesare erano di dubbia legalità secondo la legge romana, e il suo famoso attraversamento del Rubicone fu innescato dalla sua paura di dover affrontare un processo se fosse entrato in Italia senza un esercito. Pertanto, la conquista della Gallia fu determinante nella catena di eventi che causarono la caduta della Repubblica Romana.

L'imperatore Claudio nacque a Lugdunum, l'attuale Lione, la città gallo-romana più importante dell'epoca. Il dominio romano in Gallia fu un periodo di relativa pace e prosperità, ma durante la crisi del III secolo ci furono usurpatori locali che fondarono un "impero gallico" che controllava la Gallia e parti della Germania durante un periodo di debole controllo centrale. Alcuni edifici costruiti dai romani in quell'epoca sono ancora esistenti e le loro strade rimasero ampiamente utilizzate fino all'avvento dell'automobile poiché la loro qualità superava di gran lunga la costruzione stradale medievale.

Con la caduta dell'Impero Romano d'Occidente nel V secolo d.C., rimasero zone abitate dai discendenti di matrimoni misti tra gallo-romani e "barbari" orientali (principalmente i Franchi, ma anche altre tribù come i "Burgundi").

L'eredità della presenza romana è ancora visibile, in particolare nella parte meridionale del paese, dove i circhi romani sono ancora utilizzati per corride e concerti. Alcune delle principali strade francesi seguono ancora i tracciati originariamente tracciati 2000 anni fa, e l'organizzazione urbana di molti centri storici trascrive ancora la griglia cardo et decumanus tipica di un accampamento romano. Le altre principali eredità della civiltà romana sono la Chiesa cattolica, il sistema giuridico codificato e la lingua francese.

Medioevo

modifica
  Per approfondire, vedi: Franchi e Regno di Francia.

Clodoveo, morto nel 511, è considerato il primo re francese, sebbene il suo regno franco non si estendesse molto oltre l'area dell'attuale Île-de-France, intorno a Parigi. Tuttavia, il suo battesimo al cristianesimo (trinitario) - in contrapposizione all'arianesimo allora popolare tra i capi germanici - si sarebbe rivelato importante per l'ulteriore storia dell'Europa. Carlo Magno, incoronato imperatore del nuovo Impero Romano d'Occidente nell'800, fu il primo sovrano forte. Sotto il suo governo, unì territori che includevano la Francia e parti dell'odierno Belgio, Germania e Italia. La sua residenza principale era Aix-la-Chapelle (ora in Germania, conosciuta come Aachen). Poiché era quasi costantemente in viaggio e "governava dalla sella", diversi luoghi possono essere considerati la sua "capitale" o "residenza".

In questo periodo la Francia fu attaccata dai Vichinghi che provenivano dal nord e risalivano i fiumi per saccheggiare città e abbazie. Fu anche attaccato da sud da parte dei Saraceni musulmani che si erano stabiliti in Spagna. I Vichinghi ottennero una parte del territorio (l'odierna Normandia) nel 911 e presto imposero il sistema feudale della servitù della gleba ai contadini nativi. I Saraceni furono fermati nel 732 a Poitiers da Carlo Martello, nonno di Carlo Magno e guerriero piuttosto rude, poi celebrato come eroe nazionale.

A partire da Carlo Magno si costituì una nuova società, basata sul sistema del feudalesimo. Anche se generalmente visto come un'epoca di stagnazione, può essere più propriamente descritto come un periodo di sviluppo economico e culturale (la musica e le poesie dei trovatori e dei trouvères, la costruzione delle cattedrali romaniche e poi gotiche) seguito da una recessione dovuta alla crisi economica, malattie pandemiche e guerre.

Nel 987, Ugo Capeto fu incoronato re di Francia; è la radice delle famiglie reali che avrebbero poi governato il Regno di Francia. Infatti quando Luigi XVI fu costretto ad assumere un nome comune dai rivoluzionari francesi, fu scelto "Luigi Capeto" in riferimento a Ugo. Nel 1154 gran parte della parte occidentale della Francia passò sotto il dominio inglese con il matrimonio di Eleonora d'Aquitania con il re inglese Enrico II (Conte d'Angiò, nato nella città di Le Mans). Alcuni re della dinastia dei Plantageneti sono ancora sepolti in Francia, i più famosi sono Riccardo I "Cuor di Leone", famoso per Walter Scott, e suo padre Enrico II, che giace nell'Abbazia di Fontevraud. La lotta tra i re inglesi e francesi tra il 1337 e il 1435 è conosciuta come la Guerra dei Cent'anni e la sua figura più famosa è Giovanna d'Arco, ora considerata un'eroina nazionale francese.

Primi tempi moderni

modifica

L'inizio del XVI secolo vide la fine del sistema feudale e l'emergere della Francia come stato "moderno" con confini relativamente vicini a quelli attuali (sebbene l'Alsazia, la Corsica, la Savoia e la regione di Nizza non fossero ancora francesi). Il "Re Sole" Luigi XIV, re dal 1643 al 1715 (72 anni), fu probabilmente il monarca più potente del suo tempo. L'influenza francese si estese profondamente nel resto d'Europa, estendendosi fino alla Russia; la sua lingua fu usata in molte corti europee, diventando la lingua internazionale della diplomazia, e la sua cultura fu esportata in tutto il continente.

Quell'epoca e il secolo successivo videro anche l'espansione dell'influenza globale della Francia. Questa espansione coloniale scatenò tutta una serie di guerre con altri imperi coloniali, principalmente Inghilterra (poi Gran Bretagna) e Spagna per il controllo delle Americhe e dell’India. Nel frattempo, l'ingegnere militare capo Vauban aveva supervisionato la costruzione delle fortificazioni attorno ai confini francesi, e 12 di queste fortificazioni di Vauban sono state dichiarate patrimonio mondiale dall'UNESCO. La Francia alla fine perse su entrambi i fronti (la sconfitta finale arrivò nelle guerre napoleoniche), ma l’influenza francese è ancora molto visibile in Louisiana e Quebec (dove la legge statale/provinciale è ancora basata sul diritto civile francese e non sul diritto comune inglese).

L'era delle rivoluzioni

modifica
 
La Tomba di Napoleone nel Dôme des Invalides, Parigi
  Per approfondire, vedi: Guerre napoleoniche e Impero coloniale francese.

La Rivoluzione francese iniziò nel 1789. Il re, Luigi XVI, e sua moglie, Maria Antonietta, furono arrestati e infine giustiziati con la ghigliottina, e la prima Repubblica francese fu fondata al posto della monarchia quasi millenaria. Sebbene questo sia stato un periodo sanguinoso, è stato e rimane fonte d’ispirazione per molte altre lotte di liberazione in tutto il mondo. Durante la rivoluzione, la Francia firmò anche la prima "dichiarazione dei diritti dell'uomo", con qualche mese di anticipo rispetto alla sua controparte statunitense. Ancora oggi molte costituzioni includono una dichiarazione di diritti che risente dell'influenza di questo documento.

Napoleone Bonaparte prese il potere con un colpo di stato e alla fine riportò la Francia a un sistema monarchico facendosi incoronare imperatore nel 1804, ma la sua ambizione militaristica che lo rese sovrano di gran parte dell'Europa occidentale fu la sua rovina. La sua sconfitta per mano della Royal Navy nella battaglia di Trafalgar nel 1805 fece sì che non riuscisse mai a eclissare gli inglesi come potenza navale dominante nel mondo. Nel 1815, Napoleone incontrò la sua sconfitta definitiva nella battaglia di Waterloo (Belgio) da parte di un'alleanza di forze britanniche e prussiane, e fu catturato ed esiliato dall'Europa. È ancora venerato in alcuni paesi dell'Europa orientale poiché i suoi eserciti e il suo governo portarono con sé le idee dei filosofi francesi.

La Francia tornò alla monarchia (prima una restaurazione borbonica, poi un regno liberale sotto Luigi Filippo a partire dalla rivoluzione del 1830) finché un'altra rivoluzione nel 1848 permise a un nipote di Napoleone di essere eletto presidente e poi diventare imperatore con il nome di Napoleone III. La fine del XIX secolo vide l'industrializzazione del paese e lo sviluppo delle ferrovie ma anche l'inizio delle aspre guerre con la Prussia e poi con la Germania.

La guerra del 1870, scoppiata per un piccolo disaccordo riguardante il trono spagnolo vacante (un principe Hohenzollern era stato suggerito come erede e il governo francese aveva chiesto al governo prussiano di respingere fermamente in suo favore), si rivelò disastrosa per i francesi. Un esercito mal preparato fu colto di sorpresa quando non solo la Prussia ma anche gli stati della Germania meridionale come la Baviera si mobilitarono, mentre nessuno venne in aiuto della Francia. Per aggiungere la beffa al danno, Napoleone III fu catturato in una battaglia iniziale vicino a Sedan e fu dichiarata la Terza Repubblica. Non contenti di ciò, i prussiani proseguirono, assediando Parigi (costringendo i suoi abitanti a mangiare gli animali dello zoo) e schiacciando la Comune di Parigi, di breve durata. Quando fu finalmente firmato un trattato di pace, la Francia dovette rinunciare all'Alsazia e alla Lorena, che avevano in parte una popolazione di lingua tedesca ma, soprattutto, ricchi giacimenti di minerale di ferro. In aggiunta a ciò la Francia fu costretta a pagare cinque miliardi di franchi in oro, una somma così enorme che ne rimaneva ancora qualcosa quando la Francia sconfisse la Germania nella prima guerra mondiale quarant'anni dopo.

Sebbene all'epoca e all'inizio della sua esistenza la Terza Repubblica fosse vista come una soluzione temporanea, essa aveva una maggioranza monarchica nell'Assemblea nazionale, litigando tra varie fazioni monarchiche e il rifiuto da parte del loro "candidato di compromesso" di accettare la bandiera tricolore come precondizione per la sua incoronazione fece sì che la Repubblica sopravvivesse alla tumultuosa fase iniziale. La Repubblica sopravvisse anche all'affare Dreyfus, in cui un colonnello ebreo fu ingiustamente condannato per tradimento sotto la corte marziale, e il pungente rimprovero di Émile Zola ai militari (J'accuse), e la controversia che ne seguì, scossero la Francia nel suo nucleo culturale e politico. Dopo la prima guerra mondiale, come altrove in Europa, le forze antidemocratiche erano in aumento negli anni tra le due guerre, richiedendo un governo di "fronte popolare" guidato da Léon Blum che comprendesse partiti centristi oltre ai comunisti. La Terza Repubblica crollò solo con la sconfitta militare della Francia nella prima fase della Seconda guerra mondiale e rimane il regime più longevo che la Francia abbia avuto da quando depose Luigi XVI nel 1792. L’attuale Quinta Repubblica non poteva che superare la Terza Repubblica in termini di durata.

XX e XXI secolo

modifica

Il 1905 vide la separazione tra Chiesa e Stato, con un'iniziativa nota come laïcité ("laicità") in risposta al caso Dreyfus. Questo è stato un processo traumatico, soprattutto nelle zone rurali. Da allora, la Francia non ha più avuto una religione consolidata. Secondo la politica del "non chiedere, non dire", la legge vieta agli studenti e ai dipendenti pubblici francesi di esporre qualsiasi segno che indichi esplicitamente la loro religione mentre si trovano a scuola o sul posto di lavoro. Questa politica si applica all'uso di croci cristiane e kippah ebraiche ed è stata applicata anche all'hijab musulmano. All’inizio del XXI secolo, le statistiche sulla frequentazione della Chiesa e sulla fede in Dio erano tra le più basse in Europa. E mentre la religione non ha alcun ruolo in politica, la laicità, cioè cosa si intende esattamente con essa e fino a che punto dovrebbe spingersi, sì.

La Prima guerra mondiale (1914-18) fu un periodo traumatico nella storia della Francia. Nonostante la vittoria ottenuta dalla Francia e dai suoi alleati, quasi 1,7 milioni di francesi furono uccisi e molte città, villaggi e ampi tratti di campagna furono distrutti. Gran parte della famigerata guerra di trincea fu combattuta nella metà orientale della Francia. La Francia fu vicina alla sconfitta due volte durante la guerra e fu convinta a continuare a combattere solo grazie all'arresto "miracoloso" dell'avanzata tedesca nel 1914 e al maresciallo Philippe Pétain che radunò le truppe per la battaglia di Verdun nel 1916. Dopo la guerra, la Francia prese il controllo delle aree precedentemente tedesche dell'Alsazia e della Lorena, così come di molte colonie tedesche d'oltremare, e divenne una forza leader in Europa per il decennio successivo.

La Seconda guerra mondiale (1939-45) vide la Francia occupata per gran parte della guerra dalla Germania nazista. Con il nord della Francia sotto il diretto controllo tedesco e il sud governato da un governo fantoccio (noto come regime di Vichy, con l’anziano eroe di guerra maresciallo Pétain insediato come figura di riferimento per offrire un’illusione di continuità), furono introdotte molte misure totalitarie, inclusa la deportazione forzata di Ebrei nei campi di concentramento (vedi Ricordo dell'olocausto). Il regime di Vichy sotto Pétain era ufficialmente collaborazionista con i nazisti, e molti cittadini francesi ne seguirono l’esempio, alcuni con più zelo di altri. Tuttavia, con il proseguire della guerra, le scorte di generi di prima necessità scarseggiarono e gli eccessi fascisti del regime peggiorarono; il numero dei civili impegnati nella resistenza attiva e passiva aumentò notevolmente. Nel 1944, dopo lo sbarco degli Alleati (compresi i soldati francesi in esilio e quelli provenienti dalle colonie imperiali francesi) in Normandia e sulla costa mediterranea, la Francia fu liberata dal controllo tedesco.

Dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale, la Francia attraversò un periodo di ricostruzione e una nuova prosperità fu raggiunta con lo sviluppo dell'industria, e da allora è diventata la seconda economia europea dopo la Germania. Francia e Germania furono tra i primi membri dei trattati che alla fine si trasformarono nell’Unione Europea. Durante il dopoguerra la Francia attraversò dolorosi processi di decolonizzazione in Indocina (vedi Guerre d'Indocina) e Algeria e liberò quasi tutti gli altri suoi possedimenti verso l'indipendenza. Mentre la Francia dovette fare i conti con il fatto che il suo status di grande potenza era una cosa del passato, furono compiuti alcuni progressi tecnologici che erano almeno in parte intesi a mostrare al mondo che la Francia era ancora grande. Che si tratti del TGV, del programma spaziale francese o del programma nucleare francese. D'altro canto le relazioni franco-britanniche, che in passato erano state difficili anche in tempi di alleanze ufficiali, migliorarono, in particolare attraverso progetti come il tunnel sotto la Manica e il progetto comune del Concorde. Una delle conseguenze più visibili dell'adesione della Francia all'UE è stata l'introduzione dell'euro (€) nel 2002. Ora è la valuta comune di sedici paesi europei, che insieme costituiscono la "zona euro".

Oggi la Francia è una repubblica con un presidente eletto per un mandato di cinque anni (quinquennat). L'attuale costituzione della cosiddetta Quinta Repubblica fu scritta dopo il crollo della Quarta Repubblica del dopoguerra, in gran parte secondo i desideri di Charles de Gaulle. Il presidente in carica della Repubblica è Emmanuel Macron. Le questioni attuali che il paese deve affrontare includono l’ulteriore integrazione della Francia nell’UE e l’adozione di standard comuni per l’economia, la difesa e altri campi.

Lingue parlate

modifica

Esistono diverse lingue locali, ma il governo francese e il sistema scolastico ne hanno scoraggiato l'uso fino a poco tempo fa. Le lingue regionali vengono ora insegnate in alcune scuole, anche se il francese rimane l'unica lingua ufficiale in uso dal governo, locale o nazionale. I francesi sono molto orgogliosi della loro lingua e ogni visitatore che non si sforza nemmeno un po' di parlarla si perde una parte importante dell'identità e della cultura del paese e quella che molti considerano la lingua più bella del mondo.

In Alsazia e in parte della Lorena si parla un dialetto tedesco chiamato alsaziano, che è quasi incomprensibile per chi parla il tedesco standard. Nell'ovest della Bretagna, alcune persone parlano bretone; questa lingua celtica è parente del gallese. Nel sud, alcuni parlano ancora dialetti occitani (chiamati anche langue d'Oc perché la parola per "sì" è òc): Auvergnat, Guascone, Linguadociano, Limosino e Provenzale. L'occitano è una lingua romanza, parente molto stretta del catalano e dei dialetti italiani confinanti. In alcune parti dei Pirenei Atlantici si parla il basco, ma non tanto quanto sul lato spagnolo del confine. In Corsica, la lingua corsa ha una forte influenza italiana. Senza eccezione, queste lingue sono in declino e in molti luoghi sono parlate solo da anziani e accademici. Più comuni, ma in una certa misura ancora in declino, sono i dialetti regionali del francese, spesso indicati localmente come patois. Se avete orecchio per gli accenti, sentirete anche variazioni nella pronuncia del francese standard mentre viaggiate per il paese.

Detto questo, tutti in Francia parlano francese standard ed è improbabile che i turisti abbiano mai bisogno di parlare qualcos'altro, anche se potreste voler imparare una o due frasi o saluti di base, per dimostrare che riconoscete il patrimonio della regione.

Cultura e tradizioni

modifica

Musica classica, opera e balletto

modifica

La Francia ha una delle tradizioni di musica classica più importanti al mondo. Compositori francesi come Lully, Rameau, Berlioz, Fauré, Gounod, Debussy, Bizet, Saint-Saëns, Ravel, Massenet, Delibes e Messiaen sono generalmente ben noti nei circoli di musica classica e anche ad alcuni membri del grande pubblico. Anche se non ne avete mai sentito parlare, è probabile che abbiate già familiarità con alcuni dei loro brani, comunemente citati nella pubblicità, nelle colonne sonore dei film e persino nella musica pop moderna.

Anche se il balletto ha avuto origine durante il Rinascimento italiano, la Francia ha svolto un ruolo molto importante nello sviluppo di questa forma d'arte e, fino ad oggi, molti termini moderni utilizzati dalle ballerine provengono dal francese. Il Balletto dell'Opera di Parigi è una delle compagnie di balletto più famose al mondo, insieme al Royal Ballet di Londra, al Bolshoi di Mosca e al Mariinsky Ballet di San Pietroburgo. La competizione per l'ammissione al Balletto dell'Opera è estremamente feroce.

L'opera francese è ampiamente venerata. A differenza del resto d'Europa, l'opera italiana non ha mai preso piede in Francia, che ha invece sviluppato una propria tradizione operistica unica. Uno di questi stili è la grand opéra, che unisce opera e balletto in un'unica rappresentazione. Un altro stile è l'operetta, sviluppato da Jacques Offenbach, che combina elementi di commedia, musica spensierata e umorismo. Non solo i compositori francesi hanno contribuito allo sviluppo dell'opera francese, ma anche compositori stranieri come Gluck, Rossini, Verdi e Meyerbeer.

Territori e mete turistiche

modifica

La Francia è divisa in 18 regioni amministrative, delle quali 13 fanno parte della Francia metropolitana. Le rimanenti sono costituite da territori d'oltremare, residuo dell'antico impero coloniale francese. Le regioni metropolitane sono raggruppate nelle seguenti 7 regioni culturali:

 
Mappa divisa per regioni
      Île-de-France — La regione che circonda la capitale francese: Parigi.
      Francia settentrionale — Comprende Nord-Passo di Calais, Piccardia e Normandia. Una regione dove le guerre mondiali hanno lasciato molte cicatrici.
      Francia nordorientale — Comprende Alsazia, Lorena, Champagne-Ardenne e Franca Contea. Una regione dove la più ampia cultura europea (specialmente quella tedesca) si è fusa con quella francese, dando frutto a interessanti risultati.
      Francia occidentale — Comprende Bretagna, Paesi della Loira (Pays de la Loire). Una regione oceanica basata sull'agricoltura con una cultura ampiamente influenzata dalle antiche popolazioni celtiche.
      Francia centrale — Comprende Centro-Valle della Loira, Poitou-Charentes, Borgogna, Limosino e Alvernia. Una vasta regione agricola e vinicola, che comprende alcune valli fluviali, castelli e città storiche.
      Francia sudoccidentale — Comprende Aquitania e Midi-Pirenei. Una regione incentrata su una mescola di vino e mare, con belle spiagge atlantiche e gli alti monti Pirenei al confine con la Spagna.
      Francia sudorientale — Comprende Rodano-Alpi, Linguadoca-Rossiglione, Provenza-Alpi-Costa Azzurra e Corsica. La principale regione turistica nazionale escludendo Parigi, con un clima caldo e il mare azzurro che fa da contrasto alla zona delle Alpi francesi.

In aggiunta alle regioni della Francia metropolitana vanno considerati anche i dipartimenti e territori d'Oltre Mare, che sono:

Centri urbani

modifica

Si può consultare l'elenco dei centri urbani di Francia coperti da questa guida nella pagina della categoria relativa. L'elenco seguente è circoscritto ai primi dieci centri rilevanti per numero di abitanti o per turismo.

  • 48.8566672.3522221 Parigi — Capitale di Francia, Parigi è la città più visitata al mondo.
  • 44.837778-0.5794442 Bordeaux — Città nota per i vini.
  • 43.55257.0213893 Cannes — Sulla Costa Azzurra e rinomata per il suo festival internazionale del cinema, anche Cannes fu colonia greca con il nome di Kalamai che significa appunto "canne", "canneto".
  • 48.635833-1.5102784 Le Mont-Saint-Michel — Conosciuta per il fenomeno delle maree.
  • 45.7588894.8413895 Lione — Terza città di Francia.
  • 43.2966675.3763896 Marsiglia — Seconda per popolazione, Marsiglia è anche il primo porto del mediterraneo per traffico di merci.
  • 43.6109193.8772317 Montpellier
  • 47.217222-1.5538898 Nantes
  • 43.7019447.2683339 Nizza — Maggior centro della Costa Azzurra, Nizza fu fondata da coloni greci che le diedero il nome di Niki (Vittoria).
  • 48.5733337.75222210 Strasburgo — Sede del Parlamento e del Consiglio Europeo, Strasburgo è città fra le più ricche dell'Unione Europea per reddito pro-capite.
  • 43.6044441.44388911 Tolosa — Quarta per numero di abitanti, Tolosa conserva un centro di impronta medievale giunto integro fino ai nostri giorni.

Altre destinazioni

modifica

Francia d'oltremare

modifica

Possedimenti francesi nel mondo (clicca per ingrandire) Oltre alla Francia metropolitana, conosciuta anche come l'Hexagone per la sua forma, ci sono cinque dipartimenti d'oltremare (départements d'outre-mer - DOMs), ciascuno parte integrante della Francia come qualsiasi altro dipartimento: Guyana francese, Guadalupa, Martinica, Mayotte e La Riunione.

Oltre a questi, la Francia ha sei territori d'oltremare organizzati (territoires d'outre mer - TOMs) - Polinesia francese, Nuova Caledonia, Saint Barthélemy, Saint Martin, Saint-Pierre e Miquelon, Wallis e Futuna - e alcune isole remote e disabitate come riserve naturali, tra cui l'isola di Clipperton e le Terre Australi e Antartiche Francesi. A causa dei climi, delle culture e delle modalità di viaggio molto diverse, queste entità non vengono trattate ulteriormente qui, ma nei rispettivi articoli.

A causa dei suoi numerosi dipartimenti e territori d'oltremare sparsi in tutto il mondo, la Francia abbraccia in realtà dodici fusi orari: più di qualsiasi altro paese.

Come arrivare

modifica

Requisiti d'ingresso

modifica

La Francia è un membro dell'Area Schengen.

Non ci sono controlli alle frontiere tra i paesi che hanno firmato e attuato il trattato, ossia quelli dell'Unione europea (ad eccezione della Bulgaria, Croazia, Cipro, Irlanda e Romania) e poi Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera.

Gli aeroporti in Europa sono, pertanto, suddivisi in corsie "Schengen" e "non-Schengen", che di fatto si comportano come gli equivalenti nazionali dei voli "interni" e "internazionali". Se si vola da fuori dell'Europa verso un paese Schengen per poi continuare verso un altro, verranno effettuati i controlli di immigrazione e doganali al primo scalo per poi continuare verso la destinazione finale senza ulteriori verifiche. Si noti che indipendentemente dal fatto che si viaggia all'interno dello spazio Schengen o meno, molte compagnie aeree continueranno a insistere per vedere la vostra carta d'identità o passaporto.

I cittadini dell'UE o AELS (l'"Associazione europea di libero scambio", nota in inglese come EFTA, e composta da Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera) per l'ingresso hanno solo bisogno di una carta d'identità valida per l'espatrio o di un passaporto, entrambi ovviamente in corso di validità, in nessun caso si avrà bisogno di un visto per un soggiorno di qualsiasi durata; gli stessi criteri si applicano anche ai cittadini stranieri, in aggiunta dovranno solo mostrare il regolare visto d'ingresso che gli ha consentito l'accesso al primo stato membro.

I cittadini non-UE/AELS in genere necessitano di un passaporto per l'ingresso in un paese Schengen e la maggior parte avrà bisogno di un visto.

Dal 2012 anche i minorenni devono essere muniti di carta d'identità per lasciare il suolo nazionale e devono essere accompagnati da almeno uno dei genitori indicati in tale documento. In assenza dei genitori il minore deve avere una "dichiarazione di accompagno" da loro firmato e convalidato dagli organi competenti, in cui si indica la persona o l'ente a cui il minore sarà affidato.

Note

[1] I cittadini di questi paesi hanno bisogno di un passaporto biometrico per godere dell'esenzione dal visto.

[2] I cittadini serbi con passaporto rilasciato dalla direzione di coordinamento serba (residenti in Kosovo con passaporto serbo) necessitano del visto.

[3] I cittadini di Taiwan hanno bisogno che il loro numero identificativo sia indicato sul passaporto per poter viaggiare senza visto.

I cittadini dei seguenti Paesi non necessitano di visto per l'ingresso nello Spazio Schengen: Albania[1], Andorra, Antigua e Barbuda, Argentina, Australia, Bahamas, Barbados, Bosnia ed Erzegovina[1], Brasile, Brunei, Canada, Cile, Colombia, Costa Rica, Dominica, El Salvador, Emirati Arabi Uniti, Grenada, Guatemala, Honduras, Israele, Giappone, Macedonia del Nord[1], Malesia, Maurizio, Messico, Moldavia[1], Principato di Monaco, Montenegro[1], Nuova Zelanda, Nicaragua, Palau, Panama, Paraguay, Perù, Regno Unito, Saint Kitts e Nevis, Santa Lucia, Saint Vincent e Grenadine, Samoa, San Marino, Serbia[1], [2], Seychelles, Singapore, Corea del Sud, Stati Uniti, Taiwan[3] (Cina), Timor Est, Tonga, Trinidad e Tobago, Ucraina[1], Uruguay, Vanuatu, Città del Vaticano, Venezuela, e i cittadini Britannici d'Oltremare, Hong Kong o Macao.

  • I cittadini non-UE/AELS non possono rimanere più di 90 giorni in un periodo di 180 giorni all'interno dell'area Schengen nel suo complesso (non singoli stati) e, in generale, non possono lavorare durante il loro soggiorno (anche se alcuni paesi Schengen fanno eccezione a certe nazionalità, come la Nuova Zelanda). Il conteggio dei 90 giorni inizia una volta che si entra in un paese dell'Area Schengen e non viene azzerato anche quando si lascia un paese Schengen per un altro.
  • I cittadini non-UE/AELS (anche se esenti da visto, a meno degli andorrani, monegaschi o sammarinesi), devono accertarsi che il passaporto venga timbrato sia all'ingresso che all'uscita dall'area Schengen. Senza il timbro d'ingresso, si può essere trattati come coloro che hanno ecceduto la permanenza prevista dal visto quando si tenta di lasciare lo spazio Schengen; inoltre a chi è privo di un timbro di uscita, può essere negato l'ingresso la successiva volta che cerca di entrare nell'area Schengen perché potrebbe risultare che abbia ecceduto il soggiorno durante la visita precedente. Se non è proprio possibile ottenere un timbro apposto sul passaporto, assicurarsi di conservare documenti quali carte di imbarco, biglietti di trasporto e ricevute ATM che possono aiutare a convincere il personale d'ispezione frontaliero della legale permanenza nell'area Schengen

I dipartimenti e territori francesi d'oltremare non fanno parte dell'area Schengen e applicano regimi di immigrazione separati dalla Francia metropolitana. I visti per la Francia metropolitana generalmente non sono validi per visitare queste aree e dovrete ottenere visti separati da una missione diplomatica francese.

In aereo

modifica

Voli per Parigi

modifica

Il principale aeroporto internazionale, Roissy - Charles de Gaulle (IATA: CDG), sarà probabilmente quello d'ingresso per chi vola in Francia da fuori Europa. CDG è il principale hub intercontinentale della compagnia aerea nazionale Air France. AF e le compagnie dell'Alleanza SkyTeam (KLM, Aeroméxico, ITA Airways, Delta Air Lines, Korea Air, Saudia) utilizzano il Terminal 2, così come le compagnie aeree Oneworld, mentre la maggior parte delle compagnie aeree Star Alliance utilizza il Terminal 1. Un terzo terminal viene utilizzato principalmente per charter e alcuni voli low cost. In caso di trasferimento tramite CDG (soprattutto tra i vari terminal) è importante lasciare un tempo considerevole tra un volo e l'altro. Assicuratevi di avere almeno un'ora tra i trasferimenti. Aggiungetene altri se dovete cambiare terminal poiché dovrete passare i controlli di sicurezza. Per i trasferimenti all'interno del CDG è possibile utilizzare il treno navetta gratuito che collega tutti i terminal, le stazioni ferroviarie, i parcheggi e gli hotel dell'aeroporto.

Trasferimenti su un altro volo in Francia: AF opera voli nazionali anche da CDG, ma molti voli nazionali, e anche alcuni voli interni europei, utilizzano Orly (IATA: ORY), il secondo aeroporto di Parigi. Per i trasferimenti a Orly è disponibile un collegamento autobus gestito da AF (gratuito per i passeggeri AF). I due aeroporti sono collegati anche da un treno locale (RER) che è leggermente meno costoso, corre più velocemente ma è molto più scomodo da utilizzare con bagagli pesanti.

AF, Corsair, Emirates, Qatar Airways hanno accordi con SNCF, la compagnia ferroviaria nazionale, che gestisce servizi TGV, servendo l'aeroporto CDG (alcuni treni riportano anche i numeri di volo). La stazione TGV si trova nel Terminal 2 e si trova sul percorso della navetta gratuita. Per i trasferimenti al centro di Parigi, vedere l’articolo su Parigi.

Molte compagnie aeree low cost tra cui Ryanair, Wizz Air, Easyjet, Eurowings, Vueling, Transavia, Norwegian e Volotea volano verso molti aeroporti francesi. L' aeroporto di Parigi-Beauvais si trova a circa 80 km a nord-ovest di Parigi. Gli autobus per Parigi sono forniti dalle compagnie aeree. Controllate orari e tariffe sui loro siti web.

Voli per aeroporti regionali

modifica

Molti aeroporti fuori Parigi hanno voli da/per destinazioni internazionali: tra i più serviti ci sono Bordeaux, Clermont-Ferrand, Lille, Lione, Marsiglia, Nantes, Nizza, Tolosa, hanno voli per città dell'Europa occidentale e del Nord Africa; questi aeroporti sono hub verso aeroporti più piccoli in Francia e possono essere utili per evitare il trasferimento tra i due aeroporti di Parigi. Due aeroporti, Basilea-Mulhouse e Ginevra, sono condivisi da Francia e Svizzera e possono consentire l'ingresso in entrambi i paesi.

Gli aeroporti regionali in Francia hanno anche voli a lungo raggio da queste città:

  • Atlanta: Nizza (Delta Air Lines)
  • Bahrein: Nizza (Gulf Air)
  • Dubai: Lione (Emirati), Nizza (Emirati)
  • Doha: Nizza, Lione, Tolosa (Qatar Airways)
  • Kuwait: Nizza (Kuwait Airways)
  • Marsiglia: Addis Abeba (Ethiopian Airlines)
  • Montreal: Bordeaux (Air Transat), Marsiglia (Air Transat), Lione (Air Canada, Air Transat), Nantes (Air Transat), Nizza (Air Canada Rouge, Air Transat), Tolosa (Air Canada, Air Transat)
  • Newark: Nizza (Stato Unito)
  • New York City: Nizza (Delta Air Lines)
  • Toronto: Marsiglia (Air Transat)

In auto

modifica
  Per approfondire, vedi: Viaggiare in auto in Europa.

Diversi fine settimana durante l'anno in Francia sono conosciuti come il "sabato nero" (Samedi noir) a causa dell'inizio o della fine delle vacanze scolastiche e degli ingorghi coincidenti sulle strade francesi causati da migliaia di turisti in viaggio da e verso le loro destinazioni di vacanza. Quando possibile è saggio evitare questi giorni. Per i bollettini sul traffico, vedere qui.

Il carpooling, è molto popolare in Francia. Siti web come BlaBlaCar consentono ai conducenti con posti vuoti di connettersi in sicurezza con i passeggeri in cerca di un passaggio.

Dal Regno Unito

modifica

Gli automobilisti provenienti dal Regno Unito devono essere consapevoli che la guida cambia da sinistra a destra e che tutti i segnali stradali utilizzano unità metriche.

 
Auto nel tunnel sotto la Manica

Il tunnel sotto la Manica fornisce un collegamento ferroviario/stradale tra il sud-est dell'Inghilterra e la Francia. I treni navetta gestiti da Eurotunnel trasportano i veicoli da Folkestone nel Kent a Calais in 35 minuti, anche se trascorrete solo circa 20 minuti nel tunnel stesso. I passeggeri rimangono con i loro veicoli per tutta la durata. Le tariffe partono da £23 solo andata e possono essere prenotate online con mesi di anticipo, anche se è del tutto possibile "presentarsi e partire" senza prenotazione, ovviamente a pagamento! Il terminal sul lato britannico si trova a Cheriton, a 4,8 km da Folkestone, ed è direttamente accessibile dallo svincolo 11a dell'autostrada M20, a circa 110 km da Londra. I passeggeri sono sottoposti a controlli doganali e passaporti francesi/carte d'identità e controlli di uscita britannici prima della partenza. All'arrivo a Calais, potete proseguire dritto sull'autostrada A16 (E402) che si dirige verso Parigi in una direzione e verso il Belgio nell'altra. Nella direzione opposta, passerete attraverso il controllo passaporti britannici in Francia prima di salire sul treno.

Consultate la sezione "In nave" qui sotto per informazioni sui traghetti per la Francia dal Regno Unito e dall'Irlanda.

In nave

modifica

La Francia è servita da numerosi traghetti dall'Inghilterra:

I prezzi variano notevolmente a seconda del percorso scelto. Generalmente la rotta più economica è la breve rotta marittima attraverso il Canale della Manica, da Dover a Calais, quindi vale la pena confrontare i prezzi prima di decidere quale sia la rotta più adatta per la Francia.

I passeggeri che viaggiano da Dover in traghetto verso la Francia devono sottoporsi al controllo del passaporto/della carta d'identità francese nel Regno Unito prima dell'imbarco, anziché all'arrivo in Francia. I passeggeri in viaggio da tutti gli altri porti del Regno Unito verso la Francia vengono sottoposti al controllo del passaporto/della carta d'identità francese all'arrivo in Francia.

Ci sono anche collegamenti dall'Irlanda alla Francia:

In treno

modifica
  Per approfondire, vedi: Viaggiare in treno in Francia e Viaggiare in treno in Europa.
  • TGV (Train à Grande Vitesse) gestito da VFE, la compagnia dei treni ad alta velocità. ramo della SNCF (Société nationale des chemins de fer français), il gestore nazionale delle ferrovie francesi. La rete, incentrata su Parigi, si è espansa ai paesi vicini.

Per trovare il tuo treno, individuare il numero del treno e l'orario di partenza nel tabellone delle partenze. Ci sarà un numero di traccia ("Voie") accanto al treno e l'orario di partenza. Seguire le indicazioni per quella traccia per salire sul treno. Avrai un posto riservato sui treni TGV. Su altri treni a lunga percorrenza, è possibile effettuare facoltativamente prenotazioni (almeno un giorno prima); se non ne possiedi una puoi utilizzare qualsiasi posto non utilizzato non contrassegnato come riservato. Per trovare il posto prenotato, cerca prima il numero del treno ("Voit. No"). Prestare attenzione alla possibile confusione tra numero di posto (Voie) e numero di carrozza (voiture) (Voit abbreviato).

Le regole del posto riservato sono scarse; sei autorizzato se cambi posti o usi un altro posto (della stessa classe ovviamente) se è vuoto perché il TGV non è completamente prenotato o l'altra persona accetta di cambiare con te. L'unico requisito non è quello di continuare a utilizzare un posto riservato se la persona che detiene la prenotazione lo reclama.

Sulle linee principali, i TGV corrono spesso a due. Ci sono due possibilità: o i due TGV sono considerati come un treno con un numero di treno (in questo caso ogni passeggero ha un numero diverso); o i due TGV sono considerati treni separati che corrono insieme durante una parte del loro viaggio, con due numeri di treno diversi (in questo caso i due treni possono avere due numeri vicini come il 1527 e il 1537) e ogni treno avrà la sua numerazione. Quindi assicurati di essere nel treno giusto (il numero del treno viene visualizzato sullo schermo LCD, con il numero della carrozza).

Se sei in anticipo, c'è spesso una mappa da qualche parte che mostrerà come i numeri del treno si allineeranno alla traccia in base alle lettere che appaiono sul terreno o sui cartelli soprastanti. In questo modo, puoi mantenere la lettera corrispondente al numero della tua carrozza e aspettare di salire sul treno più vicino. Puoi facilmente andare da una carrozza all'altra, quindi se sei molto in ritardo, salta su una carrozza della stessa classe prima e attendi fino a quando la maggior parte delle persone è seduta, quindi vai alla tua carrozza e al numero di posto.

Attenzione: per evitare qualsiasi forma di frode, il biglietto deve essere punzonato da una macchina automatica ("composteur") prima di entrare nell'area della piattaforma per essere valido. Le macchine più vecchie sono di colore arancione brillante, le macchine più recenti sono di colore giallo e grigio. Le macchine sono situate all'ingresso di tutte le piattaforme. L'impossibilità di obliterare il biglietto può darti diritto a una multa anche se sei straniero con un vocabolario francese limitato, a seconda di come si sente il conduttore, a meno che non ti avvicini al conduttore il più rapidamente possibile e chiedi che il tuo biglietto sia convalidato. Allo stesso modo, se sali a bordo di un treno senza biglietto, devi trovare il conduttore ("contrôleur") e dirgli della tua situazione prima di farti trovare. Tuttavia, i biglietti elettronici gli e-Billet non devono essere obliterati: nel dubbio, comunque, non si sarà multati per aver preso obliterato un e-Billet.

Gli uffici informazione francesi, specialmente nelle stazioni ferroviarie più grandi, possono essere scarsi, specialmente se non capite molto il francese. Se non comprendete qualcosa basta dire excusez-moi e le persone ripeteranno ciò che hanno detto.

La compagnia ferroviaria francese SNCF, così come molte altre compagnie (a volte in collaborazione con SNCF), forniscono un servizio diretto dalla maggior parte dei paesi europei utilizzando treni regolari e ad alta velocità .

  • I TGV tra Parigi, Metz e Lussemburgo, così come i TGV tra Bruxelles e la Francia (eccetto Parigi) sono gestiti da SNCF
  • I TGV tra Parigi, Lille, Calais ed Ebbsfleet, Ashford e Londra nel Regno Unito, attraverso il tunnel sotto la Manica (chiamato anche Chunnel da alcuni), sono gestiti da Eurostar
  • I TGV tra Parigi, Lille, Belgio, Paesi Bassi e la Germania nordoccidentale (Colonia, Essen) sono gestiti da Thalys
  • I treni ad alta velocità tra la Francia e la Germania meridionale (Francoforte, Stoccarda, Monaco) sono gestiti da Alleo, con un TGV SNCF o un ICE della Deutsche Bahn e un equipaggio bilingue proveniente da entrambi i paesi.
  • I TGV tra Francia e Svizzera sono gestiti da Lyria
  • I TGV tra la Francia e l'Italia sono gestiti da TGV France Italie
  • I treni notturni tra Mosca e Parigi gestiti dalla compagnia russa RZD circolavano settimanalmente, fermandosi lungo il percorso in Bielorussia (Minsk), Polonia (Varsavia, Poznan) e Germania (Berlino, Erfurt). Questi sono sospesi a causa della guerra russa contro l’Ucraina.
  • I treni notturni tra Mosca e Nizza gestiti dalla compagnia russa RZD circolavano settimanalmente, fermandosi in Bielorussia (Minsk), Polonia (Varsavia, Katowice), Austria (Vienna, Linz, Innsbruck) e Italia. Questi sono sospesi a causa della guerra russa contro l’Ucraina.
  • Su prenotazione potrete portare con voi la vostra bicicletta sui treni notturni e sui TGV a un piano.

In autobus

modifica
  Per approfondire, vedi: Autobus interurbani in Europa.

Due compagnie operano tra la Francia e il resto d'Europa:

In bicicletta

modifica

Le biciclette possono essere trasportate sui traghetti per auto e sui treni navetta Eurotunnel. Possono anche essere trasportate in aereo, anche se dovreste consultare prima la vostra compagnia aerea: le biciclette spesso contano come "bagagli fuori misura" e talvolta c'è un costo aggiuntivo per registrarle. Potrebbe anche venirvi chiesto di smontarla parzialmente, ma questa politica varierà da corriere a corriere. Eurostar consente di piegare le biciclette su tutti i suoi treni e offre un servizio più limitato per le altre, ma ha regole piuttosto rigide e specifiche che vale la pena leggere prima di mettersi in viaggio.

Da Londra

modifica

I più avventurosi (e in forma!) potrebbero provare a pedalare tra due grandi capitali: Londra e Parigi. L'Avenue Verte segue piste ciclabili di alta qualità dal London Eye a Notre Dame, attraversando la splendida campagna su entrambi i lati della Manica. I punti salienti del viaggio di 406 km includono le dolci colline di gesso dei South Downs, la traversata in traghetto tra Newhaven e Dieppe e i ricchi terreni agricoli della Normandia. L'itinerario è interamente segnalato e il relativo sito web fornisce una descrizione dettagliata del percorso, dei suoi punti di interesse e informazioni pratiche come i luoghi in cui riposarsi, mangiare e dormire la notte. Contate su almeno quattro giorni in sella, a seconda di quanto siete in forma e del vostro ritmo. Dato che c'è molto da vedere e da fare lungo il percorso, non c'è fretta!

In tram

modifica

La rete tramviaria di Strasburgo ha inaugurato nel 2017 un collegamento transfrontaliero con la città tedesca di Kehl. C'è un altro collegamento transfrontaliero in costruzione tra Basilea in Svizzera e Saint Louis in Francia. Anche se il confine franco-tedesco non pone problemi, poiché entrambi i paesi sono membri dell'UE, andando da/per la Svizzera, si esce (o si entra) nell'UE e quindi si attraversa un confine doganale con i limiti sulle importazioni che ciò implica e potrebbero esserci dogane e controlli. Tuttavia, la Svizzera fa parte dell'area Schengen, quindi chi non ha merci da dichiarare non dovrebbe preoccuparsi.

Come spostarsi

modifica

In aereo

modifica

Sebbene non siano più onnipresenti come prima a causa del divieto di volo se una tratta è raggiungibile in treno entro 2 ore e mezza, il volo interno rimane un'opzione prenotabile, soprattutto tra Parigi e il sud della Francia, e se offerto come collegamento diretto da o per un volo internazionale. I seguenti vettori offrono voli nazionali in Francia:

  1. Air France possiede la più grande rete nazionale in Francia
  2. HOP! , una filiale di Air France, opera voli nazionali con aerei più piccoli
  3. easyJet una compagnia aerea low cost, possiede la seconda rete nazionale più grande della Francia
  4. Ryanair, compagnia aerea low cost irlandese, serve principalmente aeroporti secondari
  5. Volotea dispone di una rete di voli nazionali
  6. Air Corsica collega la Corsica con la Francia continentale
  7. Twin Jet opera voli nazionali con aerei Beech 1900D da 19 posti
  8. Chalair Aviation dispone di una rete limitata di voli nazionali, utilizzando principalmente aerei Beech 1900D da 19 posti
  9. Heli Securite (Cannes, Eliporto della Croisette), Nizza (Aeroporto Costa Azzurra)

In auto

modifica
  Per approfondire, vedi: Guidare in Francia.
 
Guidare in Francia

La Francia ha un sistema di autostrade ben sviluppato. La maggior parte della rete autostradale è costituita da strade a pedaggio. Alcune hanno un unico casello che dà accesso a una sezione, altre hanno caselli di entrata e di uscita ad ogni incrocio. Quando entrate in un tratto di strada a pedaggio, dovete ritirare un biglietto d'ingresso da una macchina che registra il punto della strada da cui siete partiti e vi garantisce di pagare solo per la distanza percorsa. Fate attenzione a non perdere il biglietto d'ingresso altrimenti vi verrà addebitata la distanza più lunga possibile. Tutti i caselli accettano le principali carte di credito anche se potrebbero non accettare carte di credito straniere. È possibile utilizzare anche la cabina automatica, ma solo se la carta è dotata di un apposito chip.

Le strade vanno dalle strette corsie a carreggiata unica che si trovano in campagna alle principali autostrade. La maggior parte dei paesi e delle città sono stati costruiti prima della disponibilità generale dell’automobile e quindi i centri urbani tendono ad essere ingombranti per le auto. Tenetelo presente quando noleggiate: le auto di grandi dimensioni possono essere molto ingombranti. Spesso ha senso semplicemente parcheggiare e poi utilizzare i mezzi pubblici.

Un conducente francese, con i fari lampeggianti, rivendica il diritto di precedenza e vi avverte delle intenzioni e della presenza. Non usatelo per dire grazie. I fari lampeggianti possono anche significare: "Attento perché davanti a te c'è un controllo di velocità della polizia!" I clacson dovrebbero essere usati solo in emergenze legittime; l'uso del clacson nelle aree urbane al di fuori di tali circostanze potrebbe farti prendere una multa. Gli automobilisti parigini erano noti per suonare il clacson davanti a qualsiasi cosa, anche se una maggiore applicazione delle norme ha notevolmente ridotto questa pratica.

Noleggiare un'auto

modifica

Una volta arrivati in Francia potreste aver bisogno di utilizzare i servizi di noleggio auto. La maggior parte delle compagnie leader operano dagli aeroporti francesi ed è consigliabile prenotare il noleggio auto in anticipo. È un'esperienza comune negli aeroporti francesi più piccoli non avere il tipo di auto prenotata online ma un modello alternativo. A volte il modello alternativo è molto diverso quindi controllate attentamente prima di accettare il veicolo e mantenete la vostra posizione se non corrisponde alla vostra richiesta di prenotazione e non è adatto alle vostre esigenze.

La maggior parte delle auto in Francia sono dotate di cambio standard (voiture à boîte manuelle / mécanique), un fatto che deriva in egual modo dalle preferenze del pubblico dei conducenti e dalle peculiarità delle leggi francesi sulle patenti. Le trasmissioni automatiche (voiture à boîte automatique) sono generalmente utilizzate solo da anziani o persone con disabilità fisiche. Questo vale anche per categorie di veicoli che in altri Paesi (leggi: USA) non sono praticamente mai dotati di cambio manuale, come furgoni e grandi berline. Di conseguenza, praticamente tutti i veicoli disponibili per il noleggio presso l'autonoleggio medio saranno dotati di cambio manuale. Se non sapete guidare un'auto con cambio manuale e non avete tempo di impararlo prima del viaggio, assicuratevi di prenotare la vostra auto a noleggio con largo anticipo e confermate la prenotazione. Altrimenti, potreste ritrovarvi in un'auto molto più grande di quanto vi potete permettere (o senza auto).

Quando si viaggia in gruppo, è un buon consiglio fare in modo che un membro del gruppo con il bagaglio a mano si rechi direttamente al banco dell'autonoleggio prima di tutti gli altri, questo eviterà la calca una volta che il bagaglio principale viene prelevato dal nastro trasportatore.

In treno

modifica
  Per approfondire, vedi: Viaggiare in treno in Francia.
 
Un TGV che attraversa il viadotto Cize-Bolozon sul fiume Ain

Per viaggi nei singoli territori regionali vi sono i treni TER (Train Express Regional), talvolta può capitare di dover viaggiare su vagoni affollati e vecchi, chiaramente molto cambia in base alla tratta.

Per viaggiatori sulle grandes lignes che non preferiscono viaggiare ad alta velocitá ma con treni tradizionali, che non superano i 200km/h, si consiglia di scegliere i treni IC (Intercités), o di notte i piu lenti ICN (Intercités de nuit) con carrozze couchette e letto, per viaggi di media e lunga percorrenza nei quali vengono utilizzati per la maggior parte carrozze ferroviarie tradizionali del tipo Corail (una abbreviazione da Confort e Rail). Per i viaggiatori più frettolosi o amanti della velocità si offre per viaggi di media e lunga percorrenza anche i treni motrice ad alta velocità TGV per i quali vi sono necessarie prenotazione del Posto e un ulteriore supplemento.

Per viaggi ove non si voglia arrivare a una destinazione fissa, ma viaggiare alla scoperta, InterRail propone un singolo biglietto Interrail Francia. Se non si è residenti in Italia o altro paese della UE si può acquistare un biglietto ferroviario Eurail pass. Detentori di questi quali vogliano utilizzare i treni ad alta velocità, quali i TGV, sappiano che questi tipo di treno richiede sempre la prenotazione dei posti e il pagamento di un supplemento, costringendo i detentori a fare la coda alle biglietterie della stazione per prenotare un posto su un qualsiasi treno. che operi sulle lunghe distanze eccezione fatta per gli treni a media e lunga percorrenza Intercités.

Posti sui TGV e cuccette o letti sui ICN (Intercités de nuit) possono essere prenotati fino a 90 giorni prima della data prestabilita del viaggio sul sito http://www.tgv-europe.it (in italiano) o sull'altro http://www.voyages-sncf.com/ se siete già su territorio francese (il biglietto vi verrà spedito al vostro indirizzo in Francia).

Categorie di treni

modifica
  • TER. Treni regionali. Sono i più lenti e fermano a quasi tutte le stazioni che incontrano sul loro percorso.
  • Intercités (IC, ex Corail Intercités). Questi sono i treni con carrozze tradizionali, per la maggior parte di tipo Corail per chi vuole godersi il viaggio senza fretta. Per la maggior parte non richiedono il pagamento di un extra per la prenotazione come sui treni ad alta velocità come i TGV. Sono i treni preferiti dai possessori di un pass Eurail o Interail.
  • Intercités de nuit (ICN, ex Corail Lunéa). Il nome dei treni notturni con carrozze tradizionali, per la maggior parte di tipo Corail. In genere costituiscono un ottimo affare.
  • TGV. I treni ad alta velocità (Trains à Grande Vitesse) collegano Parigi a Lilla (Lille), a varie località nel sud-est della Francia (Nizza (5-6h), Marsiglia (3h) e Avignone) (2.5 h), alle città svizzere di Ginevra (3h) e Losanna, a Dijon (1h15) e a città nell'ovest e sud-ovest del paese (Bordeaux (3h), Rennes (3h)).
  • Ouigo (TGV Ouigo). I treni ad alta velocità (Trains à Grande Vitesse) TGV, sono disponibili anche a costi molto contenuti. I treni in livrea Ouigo sono senza servizi aggiunti, ne ristorante con prenotazione posti solo tramite il sito Internet. Questi comunque non entrano nei centri ma si fermano a stazioni ferroviarie fuori città per evitare concorrenza sleale ai TGV.
  • Thalys. Un servizio di treni ad alta velocità che collegano Parigi a città dei Paesi Bassi, Belgio e Germania - È più caro rispetto ad altri tipi di treni che coprono gli stessi tragitti.
  • Eurostar. Il servizio di treni Eurostar collega Parigi a Londra-St Pancras (2h15min) e a Brussels. Dal 1. Maggio 2015 anche diretti a e verso Marsiglia [1].

In autobus

modifica

La Francia non ha un servizio nazionale di autobus. Il traffico degli autobus è stato liberalizzato nel 2015, consentendo l'emergere di alcune compagnie a lunga percorrenza. Due ben noti sono BlaBlaCar Bus (precedentemente noto come Ouibus) e FlixBus , che si è espanso rapidamente in Francia dopo la liberalizzazione.

Le compagnie di autobus competono con le ferrovie sul prezzo, il che significa che di solito sono un po' più economiche dei treni, a volte molto più economiche, soprattutto se prenotate in anticipo. I treni sono più comodi e talvolta molto più veloci. I centri di informazione turistica possono consigliare il treno rispetto all'autobus; in tal caso, insistete educatamente sul fatto che desiderate informazioni sugli autobus e sui treni.

I servizi di autobus locali e regionali sono disponibili in tutta la Francia e i viaggiatori possono trovare maggiori dettagli negli articoli su regioni e città. Quando si utilizzano gli autobus locali, è essenziale convalidare il biglietto, se necessario, soprattutto se si utilizzano biglietti a tessera con fasce magnetiche.

In autostop

modifica

La Francia è un buon paese per fare l'autostop. Armatevi di pazienza, preparatevi ad una lunga attesa o camminate e nel frattempo godetevi il paesaggio. Arriverà un passaggio. Le persone che si fermano sono generalmente amichevoli e non pericolose. Piacerete di più se parlate un po' di francese. Non si aspettano mai soldi per il viaggio.

Ricordate che uscire da Parigi in autostop è quasi impossibile. Potete tentare la fortuna alle porte (porte della città), ma il traffico intenso e le aree limitate per la sosta metteranno a dura prova la vostra pazienza. È una buona idea prendere il treno locale per un sobborgo vicino poiché le possibilità di essere prelevati aumenteranno notevolmente.

Fuori Parigi, è consigliabile tentare la fortuna nelle rotatorie. Poiché è illegale fare l'autostop sulle autostrade e sono ben sorvegliate dalla polizia, potete provare ad un incrocio autostradale.

La maggiore possibilità si trova ai caselli di pedaggio (stations de péage), alcuni dei quali richiedono che tutte le auto si fermino e sono quindi ottimi posti per prendere un passaggio. Se aspettate da un po' l'indicazione di dove andare, lasciatela perdere e provate solo con il pollice. Potete anche provare a farvi dare un passaggio fino al prossimo punto buono nella direzione sbagliata. Tuttavia, anche se fare l'autostop è una pratica comune, è illegale. La polizia francese o la sicurezza stradale, che normalmente sono molto tolleranti nei confronti degli autostoppisti, potrebbero fermarvi e costringerti ad andarvene. Ai caselli dei pedaggi è possibile ottenere mappe gratuite che indicano anche dove si trova il "all-stop-Péage".

Tra due punti della Francia rurale che non si trovano sulla stessa linea ferroviaria, fare 500 km in autostop può essere veloce quanto prendere quattro treni diversi (e non economici).

Con corsa condivisa

modifica

Blablacar ha un quasi monopolio in Francia, ma è comunque un modo comodo, economico ed efficiente per vedere il paese. I prezzi per le distanze sono inferiori a quelli del treno e degli autobus, circa 8-10€ per 100 km. Il pagamento viene gestito tramite il servizio. L'app ottimizza la posizione del passeggero nel punto di incontro e il percorso dell'autista. Tra le città più grandi troverete molte opzioni, alcune iniziano dal centro, altre semplicemente passando per l'autostrada: controllate il punto d'incontro esatto prima di impegnarvi nella prenotazione. BlaBlaCar ha un sistema di classificazione e le corse sono molto affidabili. BlaBlaCar offre un'assicurazione per coprire il resto del viaggio in caso di interruzione.

Ridygo è un'app di car pooling a breve distanza che funziona in tempo reale sul vostro smartphone e computer. Quindi non è necessario pianificare i viaggi in anticipo. L'app vi consente anche di condividere automaticamente il costo del viaggio. Il servizio ha sviluppato un modello finanziario che consente ai disoccupati di utilizzare gratuitamente il carpool con i "voucher carpool".

Rezo Pouce è un servizio organizzato di carpooling e autostop. I passeggeri possono contrassegnare i propri percorsi su un'app per smartphone, che consente loro di organizzare le corse. In alternativa possono attendere il passaggio presso una fermata contrassegnata dal logo del servizio, dotata di un cartello con il logo del servizio e la destinazione prescelta. Gli autisti registrati al servizio avranno un cartello Rezo Pouce sul parabrezza e porteranno con sé una carta d'identità, rendendo il servizio più sicuro. I passeggeri mostrano anche la propria tessera o il proprio profilo nell'app per dimostrare di essere registrati al servizio. I minorenni possono aderire al servizio previo consenso dei genitori. Per i passeggeri di Rezo Pouce le corse sono gratuite, come per l'autostop, ma per i viaggi più lunghi si consiglia di contribuire alle spese.

In bicicletta

modifica

La Francia non è un paese particolarmente amico dei ciclisti (a differenza, ad esempio, dei Paesi Bassi), ma la situazione sta migliorando: si stanno costruendo più piste ciclabili e circa 40 città hanno un sistema di bike sharing.

Attenzione ai ladri di biciclette. Se dovete parcheggiare la bici per strada, assicuratevi di chiuderla correttamente, soprattutto nelle città più grandi e di notte. Evitate di utilizzare i lucchetti a cavo che possono essere tagliati in pochi secondi, utilizzate invece lucchetti a forma di U, catene o lucchetti pieghevoli. Bloccate la bici su un solido supporto fisso come un U-Rack. Bloccate il telaio (non solo le ruote) e assicuratevi che le ruote non possano essere rimosse senza un ladro più determinato con gli attrezzi.

Con il taxi

modifica

L'app G7 funziona in 180 città e paesi. Uber e Bolt lavorano nelle principali città.

Cosa vedere

modifica
  Per approfondire, vedi: Patrimoni mondiali dell'umanità in Francia e Cattedrali gotiche francesi.
 
La cattedrale di Reims, Champagne-Ardenne, nel nord-est della Francia

Pensando alla Francia, si pensa solitamente all'iconica Torre Eiffel, all'Arco di Trionfo o al famoso sorriso della Monna Lisa. Ai café parigini, punto di ritrovo di grandi intellettuali del passato. Uscendo dalla ville lumière, verranno poi sicuramente in mente gli splendidi castelli, i campi di lavanda e i famosi vigneti dello Champagne. Come non pensare poi alle località chic della Costa Azzurra. Si tratta tuttavia solo di un piccolo esempio delle attrazioni, dei monumenti e dei paesaggi che caratterizzando il territorio francese.

I monumenti storici francesi sono classificati da tempo come tali e spesso riportano questo simbolo:  .

La campagna francese

modifica

Più di 160 villaggi sono stati identificati come i più belli di Francia, o Les Plus Beaux Villages de France. Numerosi altri borghi sono costellati di casolari medievali, chiese e castelli.

Le Alpi e i Pirenei, con le loro numerose località di sport invernali, possiedono rigogliose valli fluviali, fitte foreste ed enormi distese di terreni agricoli e vigneti.

La regione occidentale della Bretagna vanta numerosi monumenti megalitici come quelli vicino a Carnac .

Le spiagge della Normandia, anch'esse sulla costa atlantica, sono famose per lo sbarco in Normandia del 6 giugno 1944. Sebbene gli umilianti cimiteri e gli innumerevoli musei, monumenti e resti di guerra mantengano vivo il ricordo di quei giorni bui, la regione è ora una piacevole e destinazione popolare. La sua pittoresca costa comprende sia lunghi tratti di spiaggia che ripide scogliere calcaree, come quelle vicino a Étretat). La regione ospita anche lo splendido Mont-Saint-Michel e la sua baia, dichiarati Patrimonio dell'Umanità .

Le lussureggianti colline della Dordogna sono costellate di grotte, molte delle quali ospitano tesori di arte preistorica. La zona è famosa anche per i suoi castelli, se ne contano oltre 1.500.

Castelli

modifica
  Per approfondire, vedi: Castelli della Loira.

Il paesaggio fluviale ondulato della Valle della Loira ospita molti grandi castelli, di cui Amboise, Villandry, Azay-le-Rideau, Chambord e Chenonceau sono alcuni dei migliori esempi. Il castello d'Angers è importante anche per i fantastici Arazzi dell'Apocalisse, la serie di arazzi del XIV secolo più grande e meglio conservata al mondo.

Ci sono anche castelli nell'Île -de-France, tra cui il famoso Castello di Versailles, l'ex corte reale del Re Sole, Luigi XIV, e Vaux-le-Vicomte, su cui era basato. Chantilly, a nord di Parigi, ospita un altro castello che possiede un'eccellente collezione d'arte.

Luoghi di culto

modifica

Appena a nord di Parigi, Saint-Denis è il luogo in cui fu costruita la prima cattedrale gotica e, sebbene il suo stile sia ora eclettico a causa delle aggiunte successive, vale comunque la pena visitarla. Altre famose cattedrali in Francia includono quelle di Chartres, Reims, Rouen (notoriamente dipinta con diversi tipi di luce da Monet), Amiens, Bourges, Strasburgo e Sens, e vale la pena emulare secoli di pellegrini e visitatori francesi visitando queste maestosi luoghi di culto. Notre Dame de Paris per ora è danneggiata, ma potete vedere la Sainte-Chapelle intatta, che sebbene molto più piccola è comparabilmente bella. Degna di nota è anche la piccola cittadina e l'imponente cattedrale romanico-gotica di Vézelay, tradizionale punto di partenza del Cammino di Santiago verso la cattedrale spagnola di Santiago di Compostela.

Sebbene molti dei luoghi di culto più famosi della Francia siano medievali, sono rappresentati anche tutti gli stili intermedi e un punto culminante nelle Alpi Marittime nel sud, appena fuori dal centro della piccola città di Vence, è la Chapelle du Rosaire des Dominicaines, che è stato completamente progettato dall'artista modernista Henri Matisse.

Musei d'arte

modifica
 
La Monna Lisa al Louvre

La grandezza e la fama del Museo del Louvre di Parigi difficilmente possono essere eguagliate da nessun altro museo al mondo. Vanta una favolosa collezione d'arte dall'antichità al XIX secolo ed è sede della Gioconda e di molte altre opere rinomate.

Il Museo d'Orsay è un altro museo di livello mondiale che riprende più o meno da dove finiscono le collezioni del Louvre. Si trova in una vecchia stazione ferroviaria e ospita la collezione nazionale di opere d'arte dal 1848 al 1914. La sua eccellente collezione comprende alcune delle migliori opere impressioniste, post-impressioniste e Art Nouveau francesi, tra cui le ballerine di Degas e le ninfee di Monet.

Il Musée National d'Art Moderne nel Centre Pompidou, sempre nella capitale francese, è il più grande museo di arte moderna d'Europa.

Il Museo delle Belle Arti di Lione possiede un'eccellente collezione che varia dalle antichità dell'antico Egitto ai dipinti e alle sculture di arte moderna.

A Lille troverete il Palais des Beaux-Arts de Lille, uno dei musei più grandi del paese. La sua variegata collezione è la seconda più grande dopo il Louvre e vanta di tutto, dalle antichità all'arte moderna.

Più piccole, ma pur sempre eccezionali, sono le collezioni del Musée Fabre a Montpellier, del Musée Toulouse-Lautrec ad Albi e del Museo Picasso a Parigi. Marsiglia ha molte gallerie e il Musée Cantini ha una buona collezione di arte moderna associata a Marsiglia, oltre a diverse opere di Picasso. Anche la Fondation Maeght ospita arte moderna e si trova a Saint-Paul de Vence.

Cosa fare

modifica

C'è una miriade di attività in cui il viaggiatore in erba può impegnarsi, dalla musica e balletto alle stazioni sciistiche e ai sentieri escursionistici.

Musica classica e danza

modifica

Tre dei teatri d'opera più famosi del paese sono l'Opera di Parigi nel bellissimo edificio dell'Opéra Garnier nel 9° arrondissement di Parigi, che oggigiorno ospita principalmente balletti; l'Opéra Bastille in un edificio contemporaneo più grande nel XII secolo di Parigi; e il Grand Théâtre de Bordeaux, uno dei più antichi del paese. Tuttavia, vedrete teatri e teatri d'opera in tutto il paese.

Sport per spettatori

modifica

Senza dubbio gli sport di squadra più popolari in Francia (anche se non necessariamente in quest'ordine) sono il rugby, il calcio e la pallamano (europea/a squadre/olimpica), con una forte competizione nazionale e una nazionale che ha variamente vinto il Sei Nazioni, campionati mondiali. coppe e campionati europei ed è solitamente da non sottovalutare a livello globale.

Il ciclismo è un altro sport popolare in Francia, con molte gare professionistiche che si svolgono in tutto il paese durante tutto l'anno. Il Tour de France, la corsa più prestigiosa del ciclismo, si svolge ogni luglio per tre settimane. La corsa prevede una serie di 21 tappe di un'intera giornata lungo le strade di tutta la Francia e copre in genere 3.500 km. Anche se il Tour termina sempre sugli Champs-Élysées a Parigi, il percorso specifico per arrivarci cambia ogni anno. L'inizio della corsa è noto come Grand Départ, un evento carnevalesco che le regioni di tutta la Francia e dell'Europa occidentale gareggiano per ospitare. La visione del Tour è gratuita in tutte le sue fasi ed è molto accessibile. Si apprezza al meglio nelle città tappa e nei tratti più emozionanti: sprint di massa alla fine di una tappa pianeggiante, tratti acciottolati e salite in montagna, dove l'atmosfera è maggiore.

Disneyland Paris è di gran lunga il parco più famoso della Francia, visitato da famiglie provenienti da tutto il mondo.

Non ancora protetto, ma molto popolare, è il Monte Bianco, la vetta più alta d'Europa (a meno che non si conti il ​​Caucaso) e attraente per l'arrampicata, l'escursionismo e lo sci. Dal versante francese, viene esplorato principalmente da Chamonix, nota località ai piedi della montagna.

Escursioni, parchi e attrazioni naturali

modifica

La rete di sentieri della Grande Randonnée copre gran parte della Francia. Il famoso Cammino di Santiago comprende numerosi itinerari verso Santiago di Compostela dalla Francia.

L'ingresso ai parchi nazionali francesi è gratuito, ma per raggiungerli è necessario fare un'escursione in molti luoghi d'interesse. Lungo i sentieri sono presenti alloggi commerciali e rifugi di montagna.

Il Parco Nazionale della Vanoise è il parco più antico e uno dei più grandi, che prende il nome dal massiccio della Vanoise. La sua vetta più alta è la Grande Casse con i suoi 3.855 m.

Gli impressionanti paesaggi naturali del Parco Nazionale dei Pirenei si trovano proprio al confine meridionale della Francia e si estendono fino alla Spagna. L'intera area è elencata come sito del patrimonio mondiale dell'UNESCO. Nella parte francese, i circhi glaciali di Gavarnie, Estaubé e Troumouse sono alcuni dei migliori panorami, così come il muro di Barroud.

Il Parco Nazionale delle Cévennes, nuovamente montuoso, copre parti dell'Occitania (compresa la famosa Ardèche) e delle regioni dell'Auvergene-Rodano-Alpi. Gli uffici principali del parco si trovano nel castello di Florac, ma ci sono paesi sparsi in tutto il parco. Sono disponibili passeggiate con gli asini e la formazione di grotte di Aven Armand è una delle migliori attrazioni del parco.

Studiare

modifica

L'istruzione in Francia è generalmente di qualità superiore e il paese ospita molte università rinomate e prestigiose. Molti corsi sono generalmente tenuti in francese, anche se alcuni programmi sono offerti in inglese.

Alcune delle università più rinomate del paese includono l'École normale supérieure de Paris, l'École Polytechniquee l'Institut Européen d'Administration des Affaires (INSEAD).

I voti in Francia vanno da 0 a 20, dove 20 è il voto più alto possibile. Il voto accademico è noto per essere competitivo e severo, al punto che i francesi hanno diversi modi di dire al riguardo. Uno dei detti più famosi è "20 è per Dio, 19 è per il re, 18 è per il Presidente della Repubblica " (o sue varianti).

Lavorare

modifica

Se siete tenuti per legge a ottenere un visto o un altro tipo di autorizzazione per lavorare e non lo fate, rischiate il possibile arresto, procedimento giudiziario, espulsione e divieto di rientrare in Francia e nell'area Schengen.

I cittadini dei paesi dell'UE e del SEE (tranne alcuni paesi dell'Europa orientale, per un periodo temporaneo) e della Svizzera possono lavorare in Francia senza dover ottenere un permesso di lavoro. La maggior parte degli altri avrà bisogno di un permesso di lavoro; tuttavia, i cittadini di alcuni paesi (come Canada e Nuova Zelanda) non necessitano di un visto o di un permesso di lavoro per lavorare durante il periodo di soggiorno in Francia senza visto di 90 giorni.

Se siete cittadino dell'UE o di un paese del SEE e desiderate guadagnare denaro per continuare a viaggiare, le agenzie ad interim (ad esempio Adecco, Manpower) sono una buona fonte di lavori temporanei. Potete anche considerare di lavorare in bar, ristoranti o discoteche: spesso cercano lavoratori che parlino inglese, in particolare quelli nelle zone turistiche. Anche i fast food come McDonald's e Quick sono sempre alla ricerca di persone.

Molti 'lavori per studenti', se vi trovate in ​​una grande città, sono disponibili anche per i viaggiatori più giovani, e gli stranieri sono spesso i benvenuti. Tali lavori ad esempio includono dare lezioni private di inglese, prendersi cura dei bambini piccoli (ad esempio alla pari). Date un'occhiata agli edifici delle varie università perché spesso hanno molti annunci pubblicitari. Un modo semplice per trovare lavoro in Francia è utilizzare motori di ricerca dedicati offerti da vari siti web di lavoro.

Non dimenticate che essere anglofoni è un grande vantaggio quando cercate lavoro: i datori di lavoro francesi hanno davvero difficoltà a trovare lavoratori che parlino inglese. Sarà comunque molto più semplice per se conoscete anche un po' di francese, per lo stesso motivo: è probabile che i vostri colleghi non parlino inglese. Non sopravvalutate le vostre possibilità di trovare lavoro; spesso ci sono più persone che fanno domanda per un posto di lavoro che posti vacanti.

Il mercato del lavoro francese tende a funzionare attraverso contatti personali. Se conoscete qualcuno che lavora da qualche parte, probabilmente anche potete trovare un modo abbastanza semplice per lavorare in quel posto. È sempre utile conoscere persone che vivono nella zona in cui desiderate lavorare.

Valuta e acquisti

modifica
Paesi che hanno l'euro come moneta ufficiale:

La valuta nazionale è l'euro (€, EUR). Si tratta di uno dei 25 Paesi europei che utilizzano questa valuta comune: molti facenti parte dell'Unione Europea in particolare dell'eurozona, insieme ai 6 membri extracomunitari che però non hanno voce in capitolo negli affari della zona euro. Globalmente questi 25 Paesi hanno una popolazione di oltre 330 milioni.

Un euro è diviso in 100 centesimi. Secondo la normativa europea il simbolo € è sempre posto dopo la quantità (per esempio 15€). Tutte le banconote hanno esattamente la stessa fattura e tutte hanno corso legale in tutti i Paesi della zona euro.

  • Banconote — Tutte le banconote hanno esattamente lo stesso design.
  • Monete — Tutti i Paesi della zona euro hanno monete emesse con un disegno nazionale su un lato e un disegno comune sul lato opposto. Le monete possono essere utilizzate in qualsiasi paese dell'Area Euro, indipendentemente dal disegno usato (cioè una moneta di 1 Euro della Finlandia può essere utilizzata in Portogallo).
  • Monete commemorative da 2 euro — Queste sono disponibili in due varianti: la forma comune e il conio commemorativo. In questo caso differiscono dalle normali monete da 2 euro solo nella loro parte "nazionale" e circolano liberamente come moneta a corso legale. Ogni paese può produrne una certa quantità come parte della sua normale produzione di monete e qualche volta "a livello europeo" le monete da 2 euro sono prodotte per commemorare eventi speciali (ad esempio, l'anniversario dei trattati più importanti).
  • Altre monete commemorative — La variante molto più rara è relativa alle monete commemorative di altri importi (ad esempio 10 euro o più) che hanno i disegni del tutto particolari e spesso contengono quantità non trascurabili di oro, argento o platino. Sebbene a livello prettamente legale il loro valore sia quello nominale, il valore del materiale utilizzato è di solito molto più alto, pertanto sarà molto improbabile vederle in circolazione.

Qui di seguito i link per conoscere l'attuale cambio con le principali monete mondiali:

(EN) Con Google Finance: AUD CAD CHF GBP HKD JPY USD
Con Yahoo! Finance: AUD CAD CHF GBP HKD JPY USD
(EN) Con XE.com: AUD CAD CHF GBP HKD JPY USD
(EN) Con OANDA.com: AUD CAD CHF GBP HKD JPY USD

In Francia non è prevista la mancia poiché il costo del servizio è incluso nel conto. Tuttavia, i francesi sono soliti lasciare il piccolo resto dopo aver pagato il conto o da uno a cinque euro se sono soddisfatti della qualità del servizio.

I negozi

modifica

Nelle città e nei centri urbani troverete sempre negozi più piccoli, catene di negozi di alimentari (Casinò) e, occasionalmente, grandi magazzini e piccoli centri commerciali. Le zone residenziali avranno spesso piccoli supermercati (come Carrefour Market o Intermarché). I grandi supermercati (come Auchan, Carrefour, E.Leclerc, Géant Casino) si trovano principalmente nella periferia delle città e probabilmente non sono utili a meno che non si abbia accesso a un'auto.

I prezzi sono indicati con tutte le tasse (vale a dire, l'IVA, o imposta sul valore aggiunto) incluse. Per i residenti extra-UE è possibile ottenere un rimborso parziale all'uscita da alcuni negozi dotati di adesivo "tax free shopping"; informarsi all'interno. L'IVA è del 20% sulla maggior parte dei prodotti, ma del 10% su alcuni come libri, pasti al ristorante e trasporti pubblici e del 5,5% sui prodotti alimentari acquistati nei negozi di alimentari (ad eccezione dei dolci!). Le bevande alcoliche sono sempre tassate al 20%, indipendentemente da dove vengono acquistate.

A tavola

modifica

In Francia vengono consumati tre pasti al giorno: la colazione, il pranzo e la cena. La colazione è composta da succo di frutta, caffè, tè, cereali e pane con marmellata e burro. Il pranzo viene introdotto da un antipasto (entrées) costituito da verdure crude (crudités) come insalate miste con prosciutto cotto e noci sgusciate tagliati a dadini, frutta e salumi. Meno comunemente gli antipasti possono essere composti da molluschi, pâté, ostriche e astice. Il pranzo poi prosegue con un piatto principale costituito da pesce, carne, verdure cotte, pasta o riso che viene seguito da un dessert a base di yogurt, frutta, dolce o formaggio. Il pranzo termina con un caffè. La cena è simile al pranzo, unica differenza che invece dell'antipasto viene servita una zuppa di crema o brodo. Inoltre il pranzo e la cena vengono accompagnati dal vino e a volte dalla birra.

Piatti tipici francesi sono vari formaggi, vini, salse e salumi, la baguette, un pane dalla forma affusolata ricoperto da una crosta croccante, la quiche, una torta salata con la base di pasta brisée servita come antipasto.

Con la sua reputazione internazionale per la cucina raffinata, poche persone sarebbero sorprese nel sentire che la cucina francese può certamente essere molto buona. A riprova di ciò, la Francia è legata al Giappone per il primo posto come paese con i ristoranti con più stelle Michelin. Sfortunatamente, può anche essere piuttosto deludente; molti ristoranti che si rivolgono ai turisti servono piatti molto ordinari, e alcuni sono fregature. Trovare il ristorante giusto e quello in cui i francesi vanno è quindi molto importante: provare a chiedere alla gente del posto, al personale dell'hotel o persino a consultare guide di ristoranti o siti Web per consigli o semplicemente camminando per la strada.

Ci sono molti posti in cui provare il cibo francese in Francia, dai ristoranti tre stelle Michelin alle brasserie o ai bistrot che puoi trovare praticamente in ogni angolo, specialmente nelle grandi città. In generale, si dovrebbe cercare di mangiare dove la gente del posto va. La maggior parte delle piccole città o villaggi ha ristoranti e locali che a volte sono elencati nelle guide più affidabili. In effetti, molti ristoranti raffinati si trovano nei villaggi rurali piuttosto che nelle grandi città, e i francesi spesso guidano verso quei villaggi per cenare durante le occasioni speciali. Ci sono anche ristoranti locali specifici, come i "bouchons lyonnais" a Lione, "crêperies" in Bretagna (o nella zona di Montparnasse a Parigi), ecc.

I ristoranti cinesi, vietnamiti, cambogiani e persino tailandesi sono facilmente disponibili a Parigi, sia come ristoranti regolari che come "traitérium" (fast-food). Non sono così comuni e sono più costosi nelle piccole città francesi. Molti posti hanno ristoranti "italiani" anche se questi sono spesso poco più di pizzerie e pasticciere senza immaginazione. Troverai anche cibo nordafricano (marocchino, algerino, tunisino) e greco e libanese. Gli onnipresenti ristoranti di hamburger (originali statunitensi o loro copie francesi) sono anche disponibili.

In Francia, le tasse (il 7% del totale nei ristoranti) e il servizio (di solito il 15%) sono sempre inclusi nel conto, quindi qualsiasi costo aggiunto al conto è un extra. Non ci dovrebbero essere aggiunte al prezzo pubblicizzato, non esitate a mettere in dubbio tali aggiunte. I francesi di solito lasciano una o due monete se sono contenti del servizio (ma non è obbligatorio). Il pane è sempre gratuito (come l'acqua del rubinetto) e nessun prezzo aggiuntivo dovrebbe essere applicato per i piatti.

I menu a prezzo fisso raramente includono le bevande. Se vuoi dell'acqua, i camerieri cercheranno spesso di venderti acqua minerale (Évian, Thonon) o acqua frizzante (Badoit, Perrier), come un premio; puoi chiedere una caraffa d'acqua con acqua di rubinetto, che è gratuita e sicura da bere. L'acqua non arriva mai con ghiaccio se non richiesto (e l'acqua con il ghiaccio potrebbe non essere disponibile).

Come in altri paesi, i ristoranti tendono a trarre un grande profitto dalle bevande. Bisogna aspettarsi il fatto che il vino costi molto di più di quanto farebbe in un supermercato.

L'ordine viene effettuato dai menu a prezzo fisso o à la carte.

Un tipico menù a prezzo fisso comprenderà:

  • antipasto, chiamato entrées o hors d'œuvres
  • piatto principale, chiamato plat [principal]
  • dessert (il dolce) o formaggio (fromage)

A volte, i ristoranti offrono la possibilità di prendere solo due dei tre piatti, ad un prezzo ridotto.

Il caffè è sempre servito come passaggio finale (anche se può essere seguito da liquori). Il caffè sarà sempre servito nero se non richiesto diversamente (per il caffè macchiato, chiedere "café au lait"). Una richiesta di caffè durante il pasto sarà considerata strana.

Non tutti i ristoranti sono aperti sia a pranzo che a cena, né sono sempre aperti tutto l'anno. Pertanto è consigliabile controllare attentamente gli orari e i giorni di apertura. Un ristorante aperto a pranzo solitamente inizia il servizio a mezzogiorno e accetta i clienti fino alle 13:30. La cena inizia intorno alle 19:30 e i clienti sono ammessi fino alle 21:30. I ristoranti con orari di servizio più lunghi si trovano solitamente solo nelle città più grandi e nei centri città. Trovare un ristorante aperto il sabato e soprattutto la domenica può essere una sfida, a meno che non rimani vicino alle zone turistiche.

In un numero ragionevole di ristoranti, soprattutto al di fuori delle zone turistiche, è obbligatoria la prenotazione e le persone possono essere allontanate senza una, anche se il ristorante non è chiaramente pieno. Per questo motivo, può essere utile effettuare ricerche preventive sui potenziali ristoranti e fare le prenotazioni necessarie per evitare delusioni, soprattutto se il ristorante che stai considerando è particolarmente consigliato nelle guide.

Un pranzo o una cena per due sul "menu" con vino e caffè vi costeranno da € 70 a € 100 (nel 2004) in un ristorante quotato a Parigi. Lo stesso con la birra in un "bistro" locale o una "crêperie" intorno ai 40 €. Un pranzo o una cena per una persona in un ristorante cinese decente a Parigi può costare fino a 8 € se si guarda attentamente. La maggior parte dei ristoranti francesi offre un menu per il pranzo che costa meno di 15 €.

Al di fuori di Parigi e delle principali città, i prezzi non sono sempre inferiori, ma il menu include spesso un quarto piatto, solitamente di formaggio. Come con ovunque, fate attenzione alle trappole per turisti che sono numerose intorno ai luoghi più frequentati e che possono offrire una bella vista ma non buona qualità.

 
Una panetteria

Le panetterie (boulangerie) sono un'istituzione francese e si trovano in tutto il paese dai villaggi più piccoli alle strade cittadine. Tutte le varianti di pane bianco sono conservate solo per poco tempo e devono essere consumate lo stesso giorno, oppure conservate per schiacciarle in zuppa o cioccolata calda il mattino seguente. Quindi i panettieri preparano almeno due volte al giorno.

  • La famosa baguette: una pagnotta lunga e sottile (costa circa 1 € nelle panetterie, molto meno nei supermercati, le baguette vecchio stile possono costare fino a 1,40 €);
  • Varianti della baguette: la ficelle (ancora più sottile), la flûte, la tradition (una baguette dal gusto generalmente più delicato ma anche più costosa);
  • Pain de campagne o Pain complet: fatto da grano intero che si mantiene relativamente bene.

Pasticcerie

modifica

I dolci sono una grande parte della cucina francese. Le colazioni dell'hotel tendono ad essere leggere, composte da tartine (pezzi di pane con burro o marmellata) o dai famosi croissant e pain au chocolat, non dissimili da un croissant ripieno di cioccolata (ma quadrato anziché a forma di mezzaluna).

I pasticcini si possono trovare in una pâtisserie ma anche nella maggior parte delle boulangeries.

Piatti regionali

modifica
 
Bouillabaisse
 
Il foie gras può essere servito in molti modi diversi

Ogni regione francese ha piatti tutti suoi. Questi piatti seguono le risorse (selvaggina, pesce, agricoltura, ecc.) della regione, le verdure (cavoli, rape, indivia, ecc.) che coltivano lì. Ecco una piccola lista di piatti regionali che puoi trovare facilmente in Francia. Generalmente ogni regione ha un piatto unico e diffuso (di solito perché era cibo per le masse):

  • Cassoulet (nel sud ovest): fagioli, anatra, maiale e salsicce
  • Choucroute, o crauti (in Alsazia): cavolo fermentato spogliato + maiale
  • Fondue Savoyarde (Alpi centrali): formaggio fuso / caldo con vino bianco
  • Fondue Bourguignonne (in Borgogna): pezzi di manzo (in olio bollito), di solito servito con una selezione di varie salse.
  • Raclette (Alpi centrali): formaggio fuso e patate / carne
  • Pot-au-feu (in tutta la Francia): manzo bollito con verdure
  • Boeuf Bourguignon (Borgogna): manzo cotto lentamente con salsa al vino rosso
  • Dauphinois gratinato (Rhone-Alpes): fette di patate al forno con panna acida e formaggio
  • Aligot (Aveyron): formaggio fuso mescolato con una purea di patate
  • Bouillabaisse (pesce + zafferano) (Marsiglia e la Costa Azzurra). Non farti ingannare! Una vera bouillabaisse è un piatto davvero costoso a causa della quantità di pesce fresco che richiede. Siate pronti a pagare almeno € 30 a persona. Se trovi ristoranti che pretendono di servire la bouillabaisse per qualcosa come € 15 a persona, lo troverai di pessima qualità.
  • Tartiflette (Savoia): formaggio Reblochon fuso, patate e carne di maiale o pancetta.
  • Confit de Canard (sud ovest): Anatra confit, composto da gambe e ali bagnate di grasso. Quel grasso è in realtà molto salutare e, con il vino rosso, è una delle fonti identificate del cosiddetto "paradosso francese" (mangiare abbondantemente, vivere a lungo).
  • Foie Gras (sud ovest): fegato di anatra o oca. Anche se di solito piuttosto costoso, il foie gras può essere trovato nei supermercati a un prezzo inferiore (a causa del loro potere d'acquisto) nel periodo natalizio. È il periodo dell'anno in cui si consuma la maggior parte del foie gras in Francia. Va molto bene con Champagne.
  • Moules marinière (che si trova lungo tutta la costa, con grandi differenze regionali): le cozze cotte a vapore nel vino o nel sidro (Bretagna e Normandia) con una varietà di prodotti locali, ad es. scalogno e aglio semplici a nord, crema a ovest, pomodori e peperoni a sud, ecc. Normalmente servito con pane e fritture croccanti.

Cucinare e bere è una parte importante della cultura francese; prenditi del tempo per mangiare e scoprire nuovi piatti.

Cibo inusuale

modifica
 
Escargot
 
Carne tartara

Contrariamente allo stereotipo, le lumache e le cosce di rana sono cibi piuttosto rari in Francia, con molti francesi che non ne godono né, a volte, nemmeno li hanno mai assaggiati. I ristoranti di qualità a volte li hanno sul loro menu: se sei curioso di provare nuovi cibi, vai avanti.

Le cosce di rana hanno un gusto molto fine e delicato con una carne che non è diversa dal pollo. Sono spesso serviti in un condimento all'aglio e non sono più strani da mangiare rispetto al granchio. La maggior parte del gusto delle lumache di Borgogna (escargots de bourgogne) proviene dalla generosa quantità di burro, aglio e prezzemolo in cui sono cotte. Hanno una consistenza molto spugnosa e coriacea e, per ovvi motivi, un forte sapore all'aglio. Le lumache in stile catalano ("cargols") sono fatte in un modo completamente diverso e hanno un sapore ancora più strano!

Citiamo anche:

  • Rillettes sarthaises noto anche come Rillettes du Mans. Una sorta di carne in vaso, fatta con carne di maiale finemente triturata e speziata. Una deliziosa specialità della zona della Sarthe nel nord del Pays de la Loire e da non confondere con le rillettes di altre zone, che assomigliano più a un pâté ruvido.
  • Midollo osseo di manzo (os à moelle). Generalmente servito in piccole quantità, con un lato grande. Quindi vai avanti: se non ti piace, avrai qualcos'altro da mangiare nel tuo piatto!
  • L'animella di vitello (ris de Veau), è una prelibatezza molto fine (e generalmente costosa), spesso servita con spugnole, o in piatti più elaborati come "bouchées à la reine".
  • L'intestino di manzo (trippa) è servito "à la mode de Caen" (con una salsa di vino bianco, dal nome della città in Normandia) o "à la catalane" (con salsa di pomodoro leggermente speziata)
  • Le andouillettes sono salsicce a base di trippa, una specialità di Lione
  • Tricandilles sono le trippe di maiale stagionato e alla griglia della regione di Bordeaux
  • La lingua di manzo (langue de bœuf) e il naso di manzo (museau) e la testa di vitello (tête de veau) vengono generalmente consumati freddi (ma ben cotti!) Come antipasto.
  • Le ostriche (Huîtres) sono più comunemente servite crude in mezzo guscio. Sono spesso classificate in base alle dimensioni, mentre No1 è il più grande (e il più costoso).
  • Oursins (ricci di mare), per chi ama lo iodio concentrato.
  • Bistecca alla tartara una grande patty di carne macinata stagionata in acido anziché in cottura, spesso servita con un uovo crudo. Una buona bistecca alla tartara sarà preparata su ordinazione al tavolo. Un piatto simile è il carpaccio di manzo, che è fette sottili o strisce di bistecca cruda conditi con olio d'oliva ed erbe aromatiche.
  • Cervelle (pronunciato ser-vell), cervello di agnello.

Formaggi

modifica

La Francia è certamente il paese del formaggio, con quasi 400 tipi diversi. Infatti, l'ex presidente generale Charles De Gaulle ha detto "Come si può governare un paese che ha 365 varietà di formaggio?".

Restrizioni alimentari

modifica

Il vegetarismo non è così raro come in passato, specialmente nelle grandi città. Tuttavia, pochissimi ristoranti offrono menu vegetariani, quindi se chiedi qualcosa di vegetariano le uniche cose che potrebbero avere sono i contorni di insalata e verdure.

Potrebbe esserci ancora confusione tra vegetarianismo e pescetarianismo. I ristoranti vegetariani e biologici stanno iniziando a comparire. Tuttavia, i "tradizionali" ristoranti francesi potrebbero non avere nulla di vegetariano sul "menu fisso", quindi potrebbe essere necessario scegliere qualcosa "à la carte", che di solito è più costoso.

Fortunatamente la cucina del Nord Africa è molto popolare in Francia, il couscous è uno dei piatti più popolari (soprattutto nella Francia orientale) ed è ampiamente disponibile.

Il veganismo è ancora molto raro e potrebbe essere difficile trovare ristoranti vegani. Nondimeno, la comunità vegana francese ha creato alcuni strumenti per aiutare a trovare cibo e ristoranti vegani: vegan-mafia.com e vegoresto.fr.

Praticamente ogni città ha almeno un ristorante halal o da asporto, e molti hanno anche macellai halal. Kosher (cerca segni con kasher, cachère e altre parole simili) ristoranti e negozi sono meno comuni fuori dalle grandi città.

Colazione

modifica

La colazione in Francia è solitamente molto leggera, tipicamente composta da un caffè e un croissant o qualche altro "viennoiserie" in occasioni speciali. Nei giorni normali la maggior parte delle persone ha una bevanda (caffè, tè, cioccolata calda, succo d'arancia) e pane tostato di baguette o pane tostato con burro e marmellata, miele, nutella che possono essere immersi nella bevanda calda o cereali con latte o frutta e yogurt. La colazione francese è principalmente dolce, ma tutto può cambiare e oggi puoi fare colazione salata ovunque.

Etichetta del ristorante

modifica

I camerieri francesi hanno la reputazione di essere scortesi, ma questo è in gran parte immeritato. Anche se ce ne sono sicuramente alcuni cattivi che sembrano fare di tutto per dimostrare il loro disprezzo nei vostri confronti come cliente, la maggior parte delle percezioni di maleducazione sono semplicemente dovute al fatto che i viaggiatori hanno determinate aspettative di servizio diverse dalla norma culturale francese.

Seguono importanti differenze rispetto ad altri paesi. In Francia il cliente non viene prima di tutto. Non hai sempre ragione, non è necessario assecondare ogni tuo capriccio e la quantità di denaro che mostri non vi darà diritto a un servizio superiore rispetto agli altri nella stanza. La stragrande maggioranza dei ristoranti in Francia sono indipendenti di proprietà privata, con tutto l'orgoglio proprietario che ciò comporta; voi come cliente non siete altro che un ospite temporaneo a casa del ristoratore. Ciò significa che sarete trattati bene, a patto che siate educati e seguirete alcune regole della casa. L'umiltà e il senso dell'umorismo quando si verificano errori possono entrambi fare molto in questo gioco!

All'arrivo in un ristorante, attendete alla porta che vi venga mostrato il tavolo. Sedersi senza essere invitati a farlo è spesso considerato presuntuoso e può farvi partire con il piede sbagliato prima ancora di poter dire bonjour. Chiedere che un piatto venga cambiato per qualsiasi motivo è insolito e può essere interpretato come una critica alla cucina dello chef. Se non vi piace come viene preparato un piatto particolare o non potete mangiare uno degli ingredienti, ordinate qualcos'altro. C'è una ragione per cui il menu completo è affisso sulla porta di ogni ristorante: per consentire alle persone di farsi un'idea di ciò che viene offerto prima di impegnarsi a mangiare. Durante la cena è considerato scortese tenere i gomiti sul tavolo; idem per aver messo le mani in grembo. Se vi viene dato un bicchiere o una tazza con la vostra bevanda, usatelo.

Il cameriere è una professione rispettata in Francia. Nella psiche francese, un buon cameriere è lì per assicurarsi che riceviate il pasto e le bevande nel modo corretto, e poi per tenervi lontano in modo che possiate divertirvi in pace. Se avete bisogno di qualcosa, siete più che benvenuti a chiedere, ma non aspettatevi di essere avvicinati durante il pasto o che le vostre esigenze vengano anticipate. Soprattutto, non rivolgetevi al vostro cameriere chiamandolo garçon (ragazzo), poiché questo è umiliante e obsoleto da circa un secolo dal punto di vista dell'etichetta. Un semplice excusez-moi è più che sufficiente per attirare l'attenzione del server. Un modo per garantire un buon servizio è chiedere consiglio al cameriere sul vino o segnalare eventuali specialità locali presenti nel menu; questo dimostra che rispettate la loro esperienza e vi dà l'opportunità di saperne di più sulla cucina locale.

Potrete dimostrare il vostro apprezzamento alla fine lasciando una piccola mancia. La mancia non è né obbligatoria né prevista poiché il personale di servizio riceve uno stipendio intero e molti locali inseriscono nel prezzo del cibo un costo di servizio del 10% (questo viene segnalato con il servizio compreso stampato sul conto o sul menu). La maggior parte dei francesi, quando decide di lasciare la mancia, arrotonda il conto al successivo multiplo di cinque: se il conto arriva a 46€, suggerite 50€ e tutti saranno contenti.

Bevande

modifica
 
Lo champagne

Champagne, Borgogna, Bordeaux, Rodano, Valle della Loira... La Francia è la patria del vino (vin). Può essere trovato a buon mercato praticamente ovunque. Anche la birra (bière) è molto apprezzata, in particolare nel nord della Francia, dove si trova la "Bière de Garde". L'età per l'acquisto di alcolici è di 18 anni per tutte le bevande, ma questo non è sempre rigorosamente applicato; tuttavia, le leggi contro la guida in stato di ebbrezza vengono applicate rigorosamente, con sanzioni severe.

Il vino francese è classificato principalmente in base alla regione da cui proviene. Molti vini non etichettano le varietà di uva utilizzate, quindi per sapere cosa state ottenendo, dovete imparare per quali tipi di vino è conosciuta ciascuna regione. I vini spesso utilizzano miscele di diverse uve. I vini sono solitamente etichettati con la regione (che può essere ampia o molto specifica) e un livello di qualità:

  • Circa la metà di tutti i vini sono AOP (Appellation d'origine protégée) o AOC (Appellation d'origine contrôlée) nei vini prima del 2012. Per questo livello più alto, il vino deve provenire da aree designate con restrizioni sulle varietà di uva, sui metodi di vinificazione, e profilo aromatico.
  • Un altro terzo dei vini sono IGP (Indication géographique protégée) o Vin de Pays prima del 2012. Anche questi sono giudicati conformi al carattere del vino di una regione, ma hanno meno restrizioni rispetto ai vini AOP/AOC.
  • Il livello più basso è il Vin de France, o Vin de Table prima del 2010, che sono vini da tavola di tutti i giorni che non sono etichettati per regione.

Vino e liquori si possono acquistare presso i supermercati, oppure in negozi specializzati come la catena Nicolas. Nicolas offre buoni consigli su cosa acquistare (specificare il tipo di vino e la fascia di prezzo desiderata). In generale, sono disponibili solo vini francesi, a meno che un vino straniero non sia una "specialità" senza equivalenti in Francia (come il porto).

Per quanto riguarda l'etichetta, non dovreste bere bevande alcoliche (soprattutto vino rosso o alcolici forti come il cognac) direttamente da una bottiglia da 70 cl. Tale comportamento è generalmente associato agli ubriachi (anche se se siete circondati da studenti universitari). Bere birra in lattina o bottiglia da 25 a 50cl va bene.

I prezzi di cibi e bevande variano a seconda che vengano serviti al bar o seduti al tavolo: la stessa tazzina di espresso potrebbe costare 0,50 € in più se servita al tavolo che al bar, e ancora 0,50 € in più se servita al tavolo o servito sulla terrazza. Ricordate, non state pagando tanto per la bevanda quanto per il posto al tavolo. Considerate però il bar: anche se dovrete stare in piedi, i bar-caffetteria sono spesso il luogo in cui si svolgono molti discorsi e interazioni pubbliche. In ogni caso, i bar sono tenuti per legge ad affiggere i loro prezzi da qualche parte nel locale, di solito nella vetrina o sul muro accanto al bar.

Ci sono un paio di drink misti che sembrano essere più o meno unici in Francia e nei vicini paesi francofoni.

  • Il Panaché è un mix di birra e limonata, fondamentalmente un beer shandy.
  • Monaco è un Panaché con l'aggiunta di sciroppo di granatina.
  • Il Kir è un piacevole aperitivo a base di vino bianco (in teoria, Bourgogne Aligoté) o, meno frequentemente, di champagne (allora chiamato kir royal e costava circa il doppio del kir normale) e cassis (liquore di ribes nero), o pêche (pesca), o mûre (mora).
  • Il pastis è un liquore a base di anice (al gusto di liquirizia), simile nel gusto alla Sambuca o all'Ouzo, che viene servito con qualche zolletta di zucchero e una piccola brocca di acqua fredda per diluire il liquore. È tradizionalmente gustato nelle giornate molto calde, e come tale è più popolare nel sud del paese ma è disponibile più o meno ovunque.

Esiste una varietà di acqua in bottiglia, tra cui:

  • Évian, Thonon, Contrex, Volvic: acqua minerale
  • Perrier: acqua frizzante
  • Badoit: acqua leggermente frizzante e salata.

Infrastrutture turistiche

modifica

La Francia è un paese vario e colorato e troverete di tutto, dagli splendidi chalet in legno sulle Alpi, ai castelli in campagna e alle ville sulla spiaggia della Riviera... oltre a tutto il resto!

Alberghi

modifica

Gli hotel sono disponibili in cinque categorie da 1 a 5 stelle. Questa è la classificazione ufficiale data dal Ministero del Turismo, ed è affissa all'ingresso su uno scudo blu. Le stelle vengono assegnate in base a criteri amministrativi oggettivi ma un po' superati, come ad esempio la superficie della sala ricevimenti o la percentuale di camere con bagno privato.

Le tariffe variano a seconda della sistemazione, della posizione e talvolta dell'alta o bassa stagione o di eventi speciali.

Tutti gli hotel, per legge, devono avere le tariffe massime affisse in modo che siano visibili dall'esterno. Contrattare per una camera più economica non è la norma, ma potete sempre chiedere uno sconto.

Gli hotel nei centri città o vicino alle stazioni ferroviarie sono spesso molto piccoli (15-30 camere), il che significa che è necessario prenotare in anticipo. Molti hotel più nuovi, orientati al business, si trovano nelle periferie delle città e talvolta sono strutture più grandi (100 camere o più); potrebbero non essere facili da raggiungere con i mezzi pubblici. Gli hotel più nuovi fanno spesso parte di catene nazionali o internazionali e hanno standard elevati. Molti hotel più vecchi fanno ora parte di catene e forniscono un servizio standardizzato ma conservano la propria atmosfera.

Lungo la rete autostradale e all'ingresso delle città troverete motel in stile americano; molto spesso sono raggiungibili solo in auto. Alcuni motel (es. Formule 1) hanno un servizio minimo, se arrivate tardi trovate una bancomat, che utilizza carte di credito, che vi consegnerà un codice per raggiungere la camera assegnata.

In francese la parola hôtel non significa sempre "albergo". Si riferisce tradizionalmente a case o palazzi privati, come nell'Hôtel de Soubise a Parigi. La parola ricorre anche nei nomi degli uffici comunali, come hôtel de ville (municipio) o hôtel de Police (quartier generale della polizia). Se chiedete indicazioni per raggiungere l'hotel più vicino, le persone per strada penseranno che intendete la sistemazione per gli ospiti, ma le indicazioni per vari edifici chiamati hôtel non saranno necessariamente ciò che state cercando.

B&B e Gîtes

modifica
 
Un gîte rural

In tutta la Francia, soprattutto nelle zone rurali ma anche nelle città, si possono trovare B&B e gîtes.

I B&B sono conosciuti in francese come "chambres d'hôtes" e sono generalmente disponibili notte per notte. Per legge, la colazione DEVE essere inclusa nel prezzo pubblicizzato per una chambre d'hôtel. Tenetelo presente quando confrontate i prezzi con gli hotel, dove la colazione NON è inclusa nel prezzo della camera.

Gîtes o gîtes ruraux sono case per le vacanze e generalmente vengono affittate come unità abitative complete, compresa una cucina, per lo più su base settimanale. Letteralmente la parola francese gîte significa semplicemente un luogo dove passare la notte; tuttavia ora è utilizzato principalmente per descrivere cottage in affitto o case vacanza con angolo cottura, di solito nelle zone rurali della Francia. Ce ne sono pochissimi vicino o nelle città. Per trovarli è necessario acquistare una guida o, per avere maggiore scelta, utilizzare internet, poiché non troverete molti segnali lungo la strada.

Tradizionalmente, gli gîtes fornivano sistemazioni semplici di buon valore, tipicamente adiacenti alla casa del proprietario o in una vicina dependance. Il termine può ora essere utilizzato anche per descrivere la maggior parte degli alloggi con angolo cottura presenti in Francia. Quindi comprende sistemazioni varie, dai piccoli cottage alle ville con piscina privata.

Durante i mesi estivi di punta, i migliori gîtes con angolo cottura richiedono la prenotazione con diversi mesi di anticipo.

Ci sono migliaia di B&B e gîtes in Francia affittati da proprietari stranieri, in particolare britannici e olandesi, e questi tendono a essere elencati, a volte esclusivamente, presso organizzazioni e siti web in lingua inglese o internazionali che possono essere trovati digitando le parole "chambres d'hôtes", "gîtes" o "gîtes de france" in uno dei principali motori di ricerca.

C'è un gran numero di organizzazioni e siti web che offrono gîtes.

Gîtes de France

modifica

Gîtes de France, organizzazione cooperativa su scala francese, raggruppa più di 50.000 alloggi rurali ed è stata la prima in Francia a offrire un sistema di classificazione coerente con descrizioni complete.

Nonostante il nome, Gîtes de France offre sistemazioni in B&B e in affitto per le vacanze (gîte).

Il sistema di classificazione dei Gîtes de France utilizza gambi di grano chiamati épis (equivalenti a una valutazione a stelle), basato sui servizi piuttosto che sulla qualità, anche se generalmente i due vanno insieme.

Attraverso il suo sito web, le prenotazioni possono essere effettuate direttamente con i proprietari o tramite l'agenzia di prenotazioni Gîtes de France locale (senza costi aggiuntivi per il viaggiatore). Sebbene per molte pagine del sito sia disponibile una versione in lingua inglese, per alcuni dipartimenti le pagine che forniscono i dettagli di un singolo gîte sono solo in francese.

Non vi è alcun vantaggio particolare nell'utilizzare Gîtes de France piuttosto che uno degli altri siti di gîtes online, o prenotare direttamente con il proprietario di un gîtes. La procedura è piuttosto standard per tutti i siti di prenotazione di gîte, sia francesi che stranieri – a parte il fatto che l’intero processo di prenotazione può essere effettuato in inglese su alcuni siti, cosa che non è sempre il caso con Gîtes de France.

Dopo aver effettuato la prenotazione del gîte riceverete per posta un contratto da firmare (solo per i gîte). Firmate e restituite una copia. Al momento della firma scrivete la dicitura "Letto e approvato", e il nome della vostra città natale, prima di firmare e datare il contratto. Normalmente vi verrà chiesto di versare un acconto compreso tra un quarto e un terzo del costo della prenotazione. Il resto vi sarà richiesto un mese prima dell'inizio della vostra vacanza. Al momento dell'arrivo all'alloggio è necessario versare al proprietario un deposito cauzionale in contanti, specificato nel contatto. Questo verrà restituito alla fine del soggiorno, al netto di eventuali spese di carburante e rotture.

Alcune altre risorse per prenotare alloggi rurali e ville in Francia sono Gitelink o Holiday France Direct, che vi consentono di trattare direttamente con i proprietari degli immobili.

Gîtes d'étape

modifica

Un'altra possibilità sono i gîtes d'étape. Questi sono più simili ai pernottamenti per gli escursionisti, come un rifugio di montagna. Sono per lo più più economici dei Gîtes de France ma anche molto più semplici.

Affitti a breve termine

modifica

I viaggiatori dovrebbero sicuramente considerare l’affitto di ville/appartamenti/monolocali a breve termine come alternativa ad altre opzioni di alloggio. Il breve termine può durare da pochi giorni fino a mesi consecutivi. Gli affitti estivi vanno solitamente solo da sabato a sabato (luglio e agosto). Questo tipo di alloggio appartiene a un gruppo privato e può variare da quello semplice a quello lussuoso. Un vantaggio particolare, oltre ai prezzi competitivi, è che gli alloggi sono dotati di cucine completamente attrezzate.

Centinaia di agenzie offrono alloggi per affitti brevi per conto del proprietario e possono guidarvi nella ricerca dell'immobile migliore, al miglior prezzo, nella località più adatta per voi. Una ricerca su Internet per la posizione e il tipo di proprietà che state cercando restituirà solitamente i nomi di diversi siti di annunci, ognuno dei quali può avere centinaia o migliaia di proprietà tra cui scegliere. Ci sono molti siti sia in inglese che in francese e le proprietà in affitto possono essere di proprietà di persone di qualsiasi nazionalità.

Siti di noleggio vacanze affermati includono Gitelink France, Holidaylettings.co.uk, Owners Direct e Alpha Holiday Lettings. Se desiderate soggiornare solo in una stanza o in una parte della proprietà, Airbnb abbina i vacanzieri agli host che affittano solo una parte delle loro case.

Campeggio

modifica
 
Campeggio sulla spiaggia

Il campeggio è molto comune in Francia. La maggior parte dei campeggi sono un po' fuori città e praticamente tutti non offrono solo tende ma anche camper e roulotte. Mentre tutti i campeggi dispongono di servizi base quali docce e servizi igienici, i campeggi più grandi tendono ad offrire una serie di servizi aggiuntivi come bar e ristoranti, lavanderie self-service, piscine o noleggio biciclette. Tutti i campeggi, ad eccezione dei piccolissimi "campeggi agricoli", devono essere registrati presso le autorità e sono ufficialmente classificati utilizzando un sistema di stelle.

Nelle zone costiere, i campeggi a tre e quattro stelle generalmente devono essere prenotati in anticipo durante i mesi di luglio e agosto, e molte persone prenotano da un anno all'altro. Nelle zone rurali, al di fuori delle località turistiche più frequentate, di solito è possibile presentarsi senza preavviso e trovare posto; questo è particolarmente vero per i campeggi comunali che si possono trovare nella maggior parte delle piccole città; anche se in questo caso potrebbe essere consigliabile chiamare o inviare un'e-mail in anticipo per essere sicuri. Ci sono sempre delle eccezioni.

In Francia è vietato campeggiare:

  • nei boschi, nei parchi naturali, regionali e nazionali
  • su strade e strade pubbliche
  • sulle spiagge
  • a meno di 200 metri dagli abbeveratoi utilizzati per il consumo umano
  • nei siti naturali protetti
  • a meno di 500 metri da un monumento protetto
  • ovunque sia vietato dalle leggi locali
  • su proprietà private senza il consenso del proprietario.

Detto questo, in generale, campeggiare nei parcheggi vicino alla spiaggia non è vietato ed è un ottimo modo per stare vicino alla spiaggia e campeggiare gratuitamente. Ce ne sono alcuni comodi e meno affollati, a volte anche con ombra intorno, soprattutto la sera dopo che la maggior parte degli altri visitatori se ne è andata.

Il campeggio è un ottimo modo per esplorare la zona in quanto offre la libertà di poter viaggiare con breve preavviso. I piccoli campeggi possono essere scoperti su Rural Camping France, mentre i campeggi più grandi possono essere prenotati attraverso siti web come Eurocamp, Canvas Holidays e Go Camp France.

Elettricità

modifica

L'elettricità è fornita a 220–230 V a 50 Hz. Le prese sono CEE7/5 (pin di terra maschio sporgente) e accettano spine CEE 7/5 (con messa a terra), CEE 7/7 (con messa a terra) o CEE 7/16 (senza messa a terra). Le vecchie spine CEE 7/4 di tipo tedesco non sono compatibili in quanto non supportano il pin di terra presente su questo tipo di presa. Tuttavia, la maggior parte dei moderni elettrodomestici europei sono dotati di spina ibrida CEE 7/7 che si adatta sia alle prese CEE 7/5 (Belgio e Francia) che CEE 7/4 (gran parte dell'Europa, comprese Germania, Paesi Bassi, Spagna e Svezia).

Eventi e feste

modifica

Festività nazionali

modifica
Data Festività Note
1 gennaio Capodanno Festività internazionale
marzo/aprile Venerdì santo, Pasqua, lunedì dell'angelo Festività cristiana. Ulteriori festività cristiane specifiche per i dipartimenti della Mosella, Basso Reno e Alto Reno.
1 maggio Festa dei lavoratori Festività internazionale
8 maggio Giornata della vittoria in Europa Memoriale della "resa incondizionata" della Germania nazista che pose fine alla seconda guerra mondiale (1945).
maggio/giugno Ascensione, lunedì di pentecoste Festività cristiana
14 luglioFesta nazionale francese Memoriale della Festa della Federazione (1790) e della presa della Bastiglia (1789).
15 agosto Assunzione di Maria Festività cristiana
1 novembre Ognissanti Festività cristiana
11 novembreArmistizio di Compiègne Memoriale dell'armistizio che segnò la fine della prima guerra mondiale
25 dicembre Natale Festività cristiana che segna la nascita di Cristo.
26 dicembre Santo Stefano Festività cristiana.


Sicurezza

modifica
Numeri utili
  • Emergenze: 112
  • Emergenze via SMS: 114
  • Emergenza alloggio: 115
  • Emergenza minorenni: 119
  • Emergenza sanitaria: 18
  • Medici e farmacie di guardia: 15
  • Gendarmeria: 17
  • Vigili del fuoco: 18
  • Emergenza in mare: 196
(o radio VHF sul canale 16)
  • Soccorso stradale: 0 800 089 222
  • Informazioni traffico: 0 892 707 766
  • Guardia di Finanza: 0 811 204 444

Criminalità

modifica

Le emergenze legate al crimine possono essere segnalate al numero verde 17 o 112 (numero di telefono europeo di emergenza). Le forze dell'ordine sono la Polizia Nazionale (Police nationale) nelle aree urbane e la Gendarmeria nazionale nelle campagne, anche se per reati minori come il parcheggio e le infrazioni stradali alcune città e villaggi hanno anche una forza di polizia municipale.

Sebbene rimanga tra i paesi più sicuri al mondo, negli ultimi anni la Francia ha registrato una notevole ondata di criminalità, soprattutto nelle grandi aree metropolitane che sono tormentate dai soliti problemi. Il crimine violento contro i visitatori è generalmente raro, ma il borseggio e lo scippo della borsa sono molto comuni, alcuni dei quali possono provocare aggressioni aggravate. Se si adottano le consuete precauzioni si dovrebbe essere al sicuro.

Le aree interne della città e alcuni sobborghi selezionati sono generalmente sicuri a tutte le ore. Nelle grandi città, specialmente a Parigi, ci sono alcune aree che dovrebbero essere evitate. Parti della periferia sono alveari di attività legate alle bande giovanili e lo spaccio di droga; tuttavia questi sono quasi sempre lontani dalle zone turistiche e non dovresti avere motivo di visitarli. Il buon senso vale sempre in quanto è molto facile individuare le aree abbandonate.

L'argomento del crimine nelle periferie e nelle aree povere è molto scomodo in quanto potrebbe facilmente avere sfumature razziste, dal momento che molte persone lo associano ai giovani della classe operaia di origine nordafricana e sub-sahariana. Probabilmente non dovresti esprimere un'opinione sulla questione.

Mentre non è obbligatorio per i cittadini francesi portare con sé la carta d'identità, ma di solito se la portano appresso. Gli stranieri dovrebbero portare una sorta di documento di identità ufficiale. Sebbene i controlli casuali non siano la norma, è possibile che venga richiesto un'identificazione in certe situazioni, ad esempio se non è possibile mostrare un biglietto valido quando si utilizzano i mezzi pubblici; non averne uno in questi casi ti porterà in una stazione di polizia per ulteriori controlli. Anche se ritieni che le forze dell'ordine non abbiano il diritto di controllare la tua identità (possono farlo solo in determinate circostanze), è una cattiva idea entrare in una discussione legale con loro; è meglio mostrare sempre un tuo documento. Ancora una volta, l'argomento è delicato in quanto la polizia è stata spesso accusata di prendere di mira le persone secondo criteri etnici (ad esempio, délit de sale gueule= letteralmente "crimine di una faccia sporca").

A causa della minaccia internazionale del terrorismo, la polizia con l'aiuto di unità militari, spesso pattuglia i monumenti, la metropolitana di Parigi, le stazioni ferroviarie e gli aeroporti. A seconda dello stato del piano "Vigipirate" (unità anti terrorismo) non è raro vedere pattuglie armate in quelle zone. La presenza della polizia dovrebbe essere di aiuto ai turisti, in quanto scoraggia anche i borseggiatori e simili. Tuttavia, comportamenti sospetti, disturbi pubblici ecc. possono attirare l'attenzione degli agenti di polizia per le ragioni sbagliate.

In Francia, non offrire assistenza a "una persona in pericolo" è un reato di per sé. Ciò significa che se non si riesce a smettere di assistere a un incidente automobilistico, di non segnalare un incidente ai servizi di emergenza, di ignorare l'assistenza urgente, è possibile che si abbiano problemi. Le sanzioni includono la sospensione della pena detentiva e le multe. La legge non si applica in situazioni in cui la risposta a un appello per aiuto potrebbe mettere in pericolo la tua vita o la vita degli altri.

Sostanze stupefacenti

modifica

Portare o usare sostanze stupefacenti, dalla marijuana alle droghe pesanti, è illegale qualunque sia la quantità. La penalità può essere grave, specialmente se si è sospettati di averne a che fare. I treni e le auto provenienti da paesi che hanno un atteggiamento più indulgente (come i Paesi Bassi) sono particolarmente presi di mira. La polizia è spesso nota per fermare intere carrozze e perquisire accuratamente ogni passeggero e i suoi bagagli.

La Francia ha una politica liberale nei confronti dell'alcol; di solito non vi sono controlli sull'identità per l'acquisto di alcolici (a meno che non si abbia un aspetto molto più giovane di 18 anni). Tuttavia, può causare problemi dovuti all'ubriachezza pubblica essendo un reato che potrebbe comportare una notte trascorsa in una cella di una stazione di polizia. Guidare ubriachi è un grave reato e può comportare pesanti multe e condanne al carcere.

Una piccola nota di educazione: mentre è comune bere birra direttamente dalla bottiglia in riunioni informali, fare lo stesso con il vino è normalmente un fatto solo di barboni (clochard).

  • Zanzare - Sul sito (FR) vigilance-moustiques.com si trova una cartina della Francia con indicazione attualizzata di morsi a persone da Zanzara e Zanzara Tigre. Per ovvie ragioni è da considerarsi misura cautelare munirsi ed usare lozioni (non il DEET al quali alcune tipologie di zanzare si sono abituate) per evitare morsi in queste regioni.


Situazione sanitaria

modifica

Assistenza sanitaria europea

modifica
 
Tessera sanitaria italiana (fronte)
 
Tessera sanitaria europea (retro)

In quanto cittadino dell'Unione europea (UE), se ti ammali inaspettatamente durante un soggiorno temporaneo di vacanza, studio o lavoro in un altro paese dell'UE, hai diritto alle stesse cure mediche disponibili in ogni paese UE. È sempre necessario portare con sé la tessera europea di assicurazione malattia (TEAM) che costituisce la prova fisica del fatto che si è assicurati in un paese dell'UE. Tuttavia se non hai la tessera con te o non sei in grado di usarla (come nei casi di assistenza privata), hai sempre diritto alle cure, ma sei obbligato a pagare subito le spese salvo poi chiedere il rimborso al tuo rientro.

I paesi in cui è prevista la copertura sanitaria sono tutti quelli aderenti all'Unione europea (Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria), quelli dello Spazio economico europeo (Islanda, Liechtenstein, e Norvegia), la Svizzera e alcuni territori d'oltremare.

Si ricorda che l'assistenza sanitaria non include eventuali operazioni di salvataggio e rimpatrio per cui sarà utile stipulare un'assicurazione di viaggio specifica e l'assistenza sanitaria presso strutture private.

Acqua di rubinetto

modifica

L'acqua di rubinetto (eau du robinet) è potabile, tranne in rari casi, come nelle aree di sosta rurali e nei lavandini delle toilette delle ferrovie, nel qual caso sarà chiaramente segnalata come acqua non potabile. Eau potabile è acqua potabile.

Soccorso medico

modifica

L'assistenza sanitaria in Francia è di altissimo livello.

Le farmacie sono contrassegnate da una croce verde, solitamente in neon lampeggiante (o LED). Vendono medicine, contraccettivi e spesso prodotti di bellezza e correlati (anche se questi possono essere molto costosi). Le medicine devono essere ordinate allo sportello, anche medicinali non soggetti a prescrizione. Il farmacista può farti domande sui sintomi e quindi può raccomandare vari medicinali e suggerire farmaci generici.

Dal momento che i nomi delle marche di farmaci variano da paese a paese, anche se gli ingredienti efficaci rimangono gli stessi, è meglio portare le prescrizioni utilizzando la nomenclatura internazionale oltre al nome commerciale del marchio. I farmaci con obbligo di prescrizione medica, compresi i contraccettivi orali (noti anche come "la pillola"), verranno consegnati solo se viene mostrata una prescrizione medica.

Inoltre, i supermercati vendono preservativi (préservatifs) e spesso anche lubrificanti personali, bende, disinfettanti e altri articoli medici minori. Le macchine per il preservativo si trovano spesso nei bagni dei bar, ecc.

Il trattamento medico può essere ottenuto da medici, cliniche e ospedali autonomi. La maggior parte dei medici generici, specialisti (ad esempio ginecologi) e dentisti sono lavoratori autonomi; cercare le indicazioni che dicono Docteur (médecin généraliste significa medico di medicina generale). Il prezzo normale per un consulto con un medico di medicina generale è di 23 €, anche se alcuni medici fanno pagare di più (questo è il prezzo pieno e non un co-pagamento). I medici possono anche effettuare chiamate a domicilio, ma queste sono più costose.

I residenti dell'Unione Europea sono coperti dal sistema di sicurezza sociale francese, che rimborserà o pagherà direttamente il 70% delle spese sanitarie (30% di co-pagamento) in generale, sebbene molti medici e chirurghi applichino supplementi. Gli altri viaggiatori non sono coperti e verrà addebitato il prezzo intero, anche se in un ospedale pubblico; i viaggiatori extra UE dovrebbero avere un'assicurazione di viaggio che copra le spese mediche.

Emergenze

modifica

Gli ospedali avranno un pronto soccorso con indicazioni Urgences.

I seguenti numeri sono gratuiti:

  • 15 Emergenze mediche
  • 17 Emergenze di applicazione della legge (per esempio segnalando un crimine)
  • 18 vigili del fuoco
  • 112 Numero di emergenza standard europeo.

Gli operatori di questi numeri possono trasferire le richieste ad altri servizi, se necessario (ad esempio, alcune emergenze mediche possono essere risolte da gruppi di vigili del fuoco).

Il fumo è vietato dalla legge francese in tutti gli spazi chiusi accessibili al pubblico (questo include i treni e la metropolitana, e recinti delle stazioni, i luoghi di lavoro, i ristoranti e i caffè) a meno che non vi siano aree specificamente designate per il fumo, e ce ne sono poche. Si può affrontare una multa di € 68 se si è trovati a fumare in questi luoghi.

Così come i poliziotti, i conduttori della metropolitana e dei treni possono e far rispettare la legge antifumo e farti multare per il fatto di fumare in luoghi non designati; se incontri problemi con un fumatore in treno, puoi andare a cercare il conduttore.

Poiché gli hotel non sono considerati luoghi pubblici, alcuni offrono camere fumatori e non fumatori.

Solo le persone di età superiore ai 18 anni possono acquistare prodotti a base di tabacco. I commercianti possono richiedere un documento d'identità con foto. Un pacchetto di 20 sigarette costa circa € 6.

Rispettare le usanze

modifica

I francesi sono piuttosto discreti, evitate quindi troppe domande, assecondando piuttosto la conversazione che vi viene proposta. Anche intavolare discorsi su vini e cibo è da evitare.

Al ristorante

modifica

Nei ristoranti francesi, come in altre parti d'Europa, è considerato scortese poggiare i gomiti sul tavolo, ma è anche considerato scortese lasciare il cibo nel piatto o posare le mani sul grembo mentre si mangia. Quando si consumano bevande come la Coca-Cola, è visto come quasi come bizzarro bere direttamente dalla bottiglia o dalla lattina. Infatti, anche alcune delle mense nei musei offrono un bicchiere di plastica in cui bere. Se ti viene dato un bicchiere o una tazza con la tua bevanda, usala.

Nella metro

modifica

Il sistema della Metro è un ottimo modo per spostarsi a Parigi (Lione, Marsiglia, ecc.). Vi sono in questo caso piccole regole da rispettare:

  • Quando si sale nella stazione, lasciare che quelli che escono dal treno possano scendere sulla piattaforma prima di salire, e una volta a bordo spostarsi al centro del vagone.
  • Se hai dei bagagli, spostali il più lontano possibile dal percorso degli altri.
  • Alcune stazioni hanno dei tapis roulant per coprire le distanze tra le piattaforme: camminare a sinistra e mantenere la destra!
  • Infine, si noti che le porte dei vagoni della metropolitana francesi in genere non si aprono automaticamente una volta che il treno si è fermato alla stazione; la maggior parte delle carrozze infatti ha un piccolo pulsante o leva sulle porte che le fa aprire. Se dovessi trovarti vicino alla porta in un vagone affollato, potresti sentire qualcuno dietro di te che dice "la porte, s'il vous plait", il che significa che quella persona vorrebbe scendere dal treno e ti sta chiedendo di aprire il porta per lui/lei. Apri la porta e fai un passo indietro (o giù sulla piattaforma) mentre quella persona esce dal treno: l'autista aspetterà che tu rientri.

È considerato molto maleducato fare rumore in un luogo affollato, come in un vagone della metropolitana o in un ristorante. Tieni presente che, anche se vuoi goderti le vacanze, la maggior parte delle persone intorno a te sulla metropolitana o in altri luoghi stanno probabilmente vivendo la loro vita quotidiana e potrebbero essere stanchi e reagiranno molto freddamente.

Buone maniere durante gli acquisti

modifica

In molti negozi in Francia, devi chiedere al negoziante di prendere gli oggetti dallo scaffale, invece di prenderli da te. Ciò si applica nei negozi di liquori o di vini, in alcuni negozi di abbigliamento, ecc. Il mancato rispetto di questa educazione potrebbe causare reazioni confuse e/o irritate da parte del negoziante.

Abbigliamento

modifica

I codici di abbigliamento stanno scomparendo rapidamente, ma se vuoi evitare di sembrare un turista, evita i cappellini da baseball, i pantaloni da tuta e le infradito (eccetto in spiaggia). In generale, l'abbigliamento casual è sufficiente nelle città e in tutte le occasioni, tranne le più formali.

La solita educazione si applica quando si entra nelle chiese, e anche se non è possibile che gli venga chiesto di andarsene, è meglio evitare pantaloni corti e canottiere. Gli uomini dovrebbero rimuovere qualsiasi copricapo quando si è all'interno di una chiesa, contrariamente a quando si visita una sinagoga o una moschea quando si può indossare un copricapo o un foulard.

Alcuni ristoratori si acciglieranno se vieni vestito da trekking, ma molto pochi insisteranno su giacca e cravatta. Potresti essere sorpreso dal numero di ventenni francesi che si presentano in un bar sgangherato in giacca e cravatta.

Le spiagge e le piscine (negli hotel) sono usate per abbronzarsi. Sollevare il reggiseno non crea di solito scalpore. Togliersi la parte inferiore è riservato alle spiagge per nudisti. Le persone sulle spiagge di solito non sono offese da un ragazzo o una ragazza nudi. Nella maggior parte delle città turistiche ci si ostina a indossare una maglietta quando si esce dalla spiaggia.

L'allattamento al seno in pubblico è molto raro, ma a nessuno importa se lo fai.

Come rivolgersi alle persone ("Tu" e "vous")

modifica
L'inglese e i francesi

Molte persone in Francia hanno studiato l'inglese, ma spesso non sono in grado o non vogliono usarlo. Ciò non è necessariamente uno snobismo linguistico, e la gentilezza è molto apprezzata dai visitatori. Troverai porte aperte utilizzando Excusez-moi ("Scusami"), S'il vous plaît ("per favore") e Merci ("grazie"). Dovresti sempre chiedere educatamente alla persona se parla inglese Parlez-vous anglais?, il piccolo sforzo fatto ripagherà con maggiore disponibilità a parlare inglese.

La lingua francese ha due diverse forme del pronome "tu" che vengono usate quando si parla di qualcuno in seconda persona. Tu è la seconda persona singolare e vous è nominalmente la seconda persona plurale. Tuttavia, in molte situazioni, i francofoni useranno i vous per la seconda persona singolare. Mentre si userà il vous per rivolgersi a un gruppo di persone, non importa quali siano le circostanze, i non madrelingua avranno inevitabilmente qualche difficoltà nel cercare di determinare se rivolgersi a una persona con il tu informale e amichevole o il vous formale e rispettoso. Il linguaggio ha anche due verbi speciali che riflettono questa differenza: tutoyer (per rivolgersi a una persona che usa il tu), e vouvoyer (per rivolgersi a una persona che usa vous), ognuno con le proprie connotazioni e implicazioni. Sfortunatamente, le regole su quando usare una forma o l'altra a volte può apparire opprimente al madrelingua francese.

In generale, si utilizzerà la forma del tu per rivolgersi a qualcuno in una situazione informale in cui vi è familiarità o intimità tra le due parti. Ad esempio, tu viene utilizzato quando si rivolge a un amico o coniuge, o quando un bambino adulto si rivolge a un genitore. Tu viene anche usato in situazioni in cui l'altra parte è molto giovane, come un genitore che parla a un bambino o una maestra a uno studente.

Al contrario, Vous viene utilizzato in situazioni in cui le parti non sono familiari, o dove è appropriato trasmettere rispetto e/o deferenza. Ad esempio, un impiegato potrebbe usare tu per rivolgersi ai colleghi con cui lavora a stretto contatto, ma probabilmente userebbe il vous quando parla con l'addetto alla reception con cui raramente parla. Di sicuro non lo userebbe quando parla con il suo capo. Nella stessa ottica, gli agenti di polizia e le altre autorità dovrebbero sempre essere contattati con vous.

Se questo è fonte di confusione, la cosa fondamentale da ricordare è che si tratta solo di distanza. Ad esempio, un barista si muove fino al momento in cui ti dà una bevanda complementare, a quel punto tu diventa più appropriato, e l'uso di vous sarebbe un po' ingrato e scoraggiante.

Per gli stranieri, il modo migliore per affrontare il problema del tu/vous è rivolgersi alle persone che usano vous fino a quando non vengono invitate a dire tu, o fino a quando non sono indirizzate dal tuo nome. Così facendo sembrerà forse una tonalità vecchio stile, ma è sempre rispettosa. Nella maggior parte dei casi, se il francese non è la tua lingua madre, la maggior parte dei francesi trascurerà qualsiasi linguaggio troppo formale e educato senza pensarci troppo. Fare il contrario può essere piuttosto scortese e imbarazzante in alcune situazioni, quindi è probabilmente meglio sbagliare con cautela.

Semplificando, utilizzare il vous a meno che:

  • la persona è sinceramente tua amica;
  • la persona ha meno di 16 anni; o
  • ti è stato esplicitamente detto di usare tu

Se parli con qualcuno che non conosci abbastanza bene dovresti sempre rivolgerli inizialmente come Monsieur (per un uomo) o Madame / Mademoiselle (per una donna) - il problema non si pone con i bambini, con cui si usa sempre il tu. Bonjour Monsieur (ad esempio, entrando in un negozio con un negoziante di sesso maschile) è molto più educato del semplice bonjour. Ma questo crea ulteriori complicazioni quando si rivolge alle donne. Tradizionalmente, Madame viene utilizzata per le donne sposate e Mademoiselle per le donne più giovani e/o non sposate. Tuttavia, molti trovano che la pratica sia sessista e, a meno che tu non sappia che qualcuno preferisce essere chiamato Mademoiselle, è meglio usare Madame. Rivolgersi a un cameriere come garçon ("ragazzo") è molto scortese (nonostante quello che potresti aver visto nei film).

Rispetto all'Italia, in una conversazione fra persone che non si conoscono è molto più comune anche usare gli appellativi Monsieur (signore) e Madame (signora) quasi in qualunque battuta. Dire solo bonjour, au revoir, oui o non senza far seguire Monsieur o Madame può apparire ineducato.

Argomenti delicati

modifica

Come regola generale, i dibattiti, le discussioni e gli argomenti amichevoli sono qualcosa che piacciono ai francesi, ma ci sono alcuni argomenti che dovrebbero essere trattati in modo più delicato o indiretto di altri:

  • Politica: i francesi hanno una grande varietà di opinioni su molti argomenti. A meno che non seguiate da vicino le notizie francesi, dovreste probabilmente evitare di discutere di politica interna francese, in particolare di questioni delicate come l'immigrazione - potreste trovarvi giudicati e non informati. Leggere i giornali francesi per farsi un'idea dell'ampio spettro di opinioni politiche in Francia - dalla sinistra rivoluzionaria alla destra nazionalista - può essere d'aiuto. Detto questo, non scoraggiarti dall'intraprendere discussioni politiche con i francesi, basta essere consapevoli della posizione in cui sei straniero e non conosci. Inoltre, è considerato piuttosto scortese chiedere a una persona a bruciapelo su quale candidato ha votato per le ultime elezioni (o voterà per il prossimo); invece, parla dei problemi e prendili da lì.
  • Religione: è generalmente considerato scortese parlare di religione con qualcuno che non conosci bene. I francesi sono ferocemente protettivi nei confronti della loro tradizione secolarista (laïcité). Ad esempio, indossare capi di abbigliamento religiosi, come hijab, kippas o crocifissi, è illegale per i dipendenti pubblici quando sono al lavoro, e per tutti gli studenti e il personale delle scuole pubbliche. È anche illegale coprirsi la faccia in pubblico, che effettivamente mette fuori legge il burqa (e maschere, passamontagna, ecc.) Ciò è stato interpretato da alcuni come una legge anti-musulmana.
  • Denaro: dovresti anche evitare di presentarti attraverso i tuoi beni (casa, macchina, ecc.). È considerato piuttosto grossolano parlare del tuo stipendio o chiedere a qualcun altro direttamente il loro. Esprimete invece il vostro entusiasmo per quanto grandi siano le responsabilità, o quanto siete stati fortunati ad arrivarci, ecc.
  • Differenze tra città e campagna: se è vero che circa un sesto della popolazione del paese vive nella regione parigina, non commettere l'errore di ridurre la Francia a Parigi o di assumere che tutti i francesi si comportino come i parigini. La vita a Parigi può essere più vicina alla vita a Londra o New York rispetto al resto della Francia; proprio come i newyorkesi o i londinesi potrebbero sentirsi diversi da persone dell'Oklahoma o Herefordshire, così i costumi e le opinioni parigine potrebbero differire da quelle della provincia.

Vacanze

modifica

I francesi beneficiano di un gran numero di ferie retribuite all'anno (e spesso gli straordinari contrattuali sono compensati con ferie retribuite extra) ed è quasi obbligatorio per i francesi prendersi delle ferie in estate, con la società francese divisa tra coloro che vanno in vacanza in Luglio (juilletistes) rispetto alla maggioranza che va in vacanza in agosto (aoûtiens). Di conseguenza, le grandi città diventano notevolmente meno trafficate e gran parte della rete di trasporti parigina viene spesso chiusa durante l’estate per lavori di ingegneria pianificati. Al di fuori delle zone turistiche, molti dei negozi più piccoli (macellerie, panifici...) rimarranno chiusi durante parte di agosto. Questo vale anche per molte aziende e per i medici. Tuttavia, nelle zone turistiche, i negozi tendono ad essere aperti durante l'arrivo dei turisti, soprattutto a luglio e agosto. Al contrario, molte attrazioni saranno terribilmente affollate durante quei mesi e durante il fine settimana di Pasqua.

Alcune attrazioni, soprattutto nelle zone rurali, chiudono o hanno orari di apertura ridotti al di fuori della stagione turistica.

Le zone montuose tendono ad avere due stagioni turistiche: in inverno, per lo sci, le ciaspolate e altre attività legate alla neve, e in estate per le visite turistiche e le escursioni.

Come restare in contatto

modifica

Gli uffici postali ("La Poste") si trovano in tutte le città e villaggi, ma i loro orari di apertura variano. Nelle principali città l'ufficio centrale può essere aperto durante l'ora di pranzo; in genere l'orario di apertura giornaliero è dalle 09:00 alle 18:00. La maggior parte degli uffici sono aperti solo il sabato mattina e c'è un solo ufficio a Parigi che è aperto 24 ore su 24 e 365 giorni (in Rue du Louvre). Le cassette postali stradali sono gialle.

Tariffe postali

modifica

Esistono tre livelli di servizio per la posta nazionale francese, a partire da maggio 2019 (Andorra e Monaco inclusi):

  • La lettera prioritaria ( prioritaire), di solito arriva il giorno successivo. Costo (fino a 20g): 1,05€
  • La Lettera Verde (lettre verte), arriva solitamente in due giorni. Costo (fino a 20g): 0,88€
  • La Lettera Economica (écopli), arriva solitamente in quattro giorni. Costo (fino a 20g): 0,86€

Per la posta internazionale esiste un solo servizio:

  • Lettera prioritaria (lettre prioritaire), costo (fino a 20 g): 1,30 € (verso Unione Europea e Svizzera), 1,30 € (tutti gli altri paesi)

Servizi di consegna internazionali come FedEx e UPS sono disponibili nelle città, tuttavia generalmente dovete chiamarli perché vengano da voi poiché hanno pochissime sedi fisiche. Un'altra opzione è quella di utilizzare semplicemente La Poste che dispone di un'ampia rete su tutto il territorio nazionale e degli stessi servizi dei suoi concorrenti.

Telefonia

modifica

Per chiamare un numero francese dall'estero, comporre il prefisso internazionale + 33 + numero locale senza lo 0 iniziale. Ad esempio: +33 2 47 66 41 18

Tutti i numeri francesi hanno 10 cifre. Le prime due cifre sono:

  • 01 per la regione parigina, 02 per il nord-ovest, 03 per il nord-est, 04 per il sud-est, 05 per il sud-ovest,
  • 06 e 07 per cellulari
  • 08 hanno prezzi speciali desumibili dalle due cifre seguenti: da 08 00, gratuito, a molto caro (fino a 20,40 euro l'ora), 08 99 . Anche i numeri Skype iniziano con 08.
  • 09 se sono collegati a telefoni Voice over IP collegati a modem DSL di provider DSL francesi che integrano tali funzioni.

Non è possibile eliminare le prime due cifre anche se la chiamata rimane nella stessa area. Lo "0" iniziale può essere sostituito da qualche altra cifra o da un codice più lungo che indica la scelta dell'operatore a lunga distanza. Non utilizzatelo a meno che non venga esplicitamente richiesto.

Quando si dicono i numeri di telefono, le persone solitamente raggruppano le cifre in gruppi di due. Ad esempio, 02 47 76 41 94 si dirà "zéro deux, quarante-sept, soixante-seize, quarante-et-un, quatre-vingt-quatorze". La coppia di due cifre 00 si dice "zéro zéro", non "doppio zéro". Se trovate troppo difficile seguirlo, potete chiedere alla persona di pronunciare il numero cifra per cifra ("chiffre par chiffre"). Sarebbe quindi "zéro, deux, quatre, sept, sept, six, quatre, un, neuf, quatre".

Numero verde

modifica

Sono poche le aziende che forniscono numeri verdi (spesso iniziano con 08 00) e ci sono anche numeri che iniziano con 081, per i quali si paga il costo di una chiamata locale indipendentemente da dove ci si trovi nel Paese. I numeri che iniziano con 089 comportano un pedaggio maggiorato.

I numeri di emergenza sono 15 (assistenza medica), 17 (stazione di polizia) e 18 (vigili del fuoco/soccorso). Potete anche utilizzare il numero di emergenza europeo112 (forse una scelta migliore se non parlate francese). Queste chiamate sono gratuite e accessibili praticamente da qualsiasi telefono, compresi i cellulari bloccati. In caso di emergenza grave, se trovate un cellulare protetto da codice, inserite tre volte un codice casuale: il telefono si bloccherà, ma potrete comporre numeri di emergenza.

Chiamate internazionali economiche

modifica

Per usufruire di chiamate internazionali a basso costo dalla Francia, i viaggiatori possono ottenere una carta SIM locale online prima della partenza o utilizzare servizi dial-around a basso costo. I servizi dial-around sono disponibili direttamente da qualsiasi rete fissa in Francia. Non è richiesto alcun contratto o registrazione. La maggior parte dei servizi dial-around vi consente di chiamare gli Stati Uniti, il Canada, l'Europa occidentale e molti altri paesi alla tariffa locale (tarif local). Funzionano anche da telefoni pubblici, anche se il primo minuto è maggiorato da France Télécom.

Linea fissa

modifica

Se avete bisogno di una linea fissa (ligne fixe) in Francia, utilizza il VoIP su DSL, come il servizio Livebox o Freebox (chiamate interurbane gratuite in Francia e verso diversi paesi).

Cabine telefoniche

modifica

Le cabine telefoniche sono state in gran parte rimosse. Potreste ancora trovarne uno in alcune zone rurali. La maggior parte utilizza una carta (niente monete). Accettano carte bancarie CB francesi, carte Visa o MasterCard ma quasi sempre solo con microchip.

La Francia utilizza lo standard GSM dei telefoni cellulari (bande 900 MHz e 1800 MHz) utilizzato nella maggior parte del mondo al di fuori degli Stati Uniti. Molte aziende (ad esempio Orange, SFR, Free, Bouygues Télécom, Virgin Mobile) offrono servizi wireless. Il Paese è quasi totalmente coperto ma potreste avere difficoltà ad utilizzare il vostro cellulare nelle zone rurali o montagnose. Tuttavia, per i numeri di emergenza, le tre società sono obbligate per legge ad accettare la tua chiamata se possono, anche se non siete uno dei loro clienti.

Se soggiornate per lungo tempo può essere consigliabile acquistare una scheda telefonica cellulare prepagata da poter utilizzare su qualsiasi telefono che supporti lo standard GSM sulle bande 900/1800 MHz. Quindi le chiamate e gli SMS in entrata sono gratuiti. Potete ottenerla dalla maggior parte degli operatori di telefonia mobile, ma hanno una validità molto breve se non la ricaricate. La SIM deve essere attivata, solitamente online. Potrebbe essere necessaria l'identificazione.

Una carta SIM prepagata Orange si chiama Mobicarte, costa 9,90 euro e include un credito di 5 euro. Gli SMS all'interno di Orange France costano 0,12 €; agli utenti mobili GSM internazionali € 0,28. Altri operatori (SFR, Bouygues) hanno prezzi simili. L'operatore mobile Free offre un abbonamento da 2 € al mese senza durata minima di abbonamento, inclusi 120 minuti al mese, 50 MB di Internet e SMS nazionali illimitati (a partire da ottobre 2020). Questo è disponibile solo attraverso il web ed è necessario un indirizzo postale.

Se disponete di un abbonamento esistente con un operatore di telefonia mobile con sede nell'UE, dovreste essere in grado di utilizzare almeno una parte dei minuti, degli SMS e dei dati inclusi nel pacchetto in Francia senza costi aggiuntivi. Ciò dovrebbe risparmiarvi il ​​fastidio di acquistare un'altra SIM e un pacchetto prepagato.

Roaming europeo

Dal 15 giugno 2017 è stato introdotto il cosiddetto "roaming europeo" che consente a tutti i possessori di SIM appartenente ad una delle nazioni europee aderenti di mantenere le stesse condizioni tariffarie del paese di provenienza.

Le telefonate, gli SMS e la navigazione Internet sono valide in tutti i paesi europei senza alcun sovrapprezzo, salvo che esso non sia stato autorizzato dalle autorità nazionali (tipicamente operatori minori) o si superi la soglia (che si innalza di anno in anno) dei GB di dati non sovrapprezzabili; per utilizzare il servizio è sufficiente attivare l'opzione roaming del proprio cellulare.

Gli Stati aderenti sono: quelli dell'Unione europea (Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria), quelli dello Spazio economico europeo (Islanda, Liechtenstein e Norvegia) e alcuni territori d'oltremare (Martinica, Gibilterra, Guadalupa, Saint Martin, Guyana Francese, La Riunione, Mayotte, Isole Canarie).

Internet

modifica

Internet café: l'accesso a Internet è disponibile negli cyber café di tutte le città di grandi e medie dimensioni. Il servizio costa solitamente circa 4€ l'ora.

Banda larga residenziale: in tutte le principali città esistono più società che offrono servizi di banda larga residenziale. I prezzi tipici sono € 30 al mese per ADSL senza limiti (con velocità fino a 24 megabit al secondo), HDTV digitale su DSL e chiamate telefoniche Voice over IP illimitate gratuite verso linee fisse in Francia e in una ventina di altri paesi (compresa l'UE e USA) anche con accesso SIP esterno (nel prezzo è compreso un modem/router/switch con access point WiFi MiMo integrato).

Wi-Fi: troverete anche l'accesso Wi-Fi (nelle città e nei paesi) in molti bar, di solito quelli un po' alla moda. Ci sarà un cartello sulla porta o sul muro. Cerca anche il simbolo @ ben visibile, che indica la disponibilità di Internet. Tuttavia, i cyber café sono sempre più difficili da trovare, soprattutto fuori dalle grandi città. Inoltre, date un'occhiata a Carrefour, la maggior parte di loro ha la connessione Wi-Fi gratuita. In Francia il Wi-Fi viene pronunciato "wee-fee" anche dagli anglofoni. Chiedere "wye-fie" generalmente non sarà compreso.

Carte SIM a breve termine

modifica

(per smartphone e tablet)

Orange offre un pacchetto Internet quasi illimitato per 1 mese a 9€ chiamato InternetMax. Il limite ufficiale di 500 MB non viene applicato. Il tethering non è consentito, ma neanche questo viene applicato. L'e-mail (POP3/SMTP/IMAP) non è coperta e viene venduta come pacchetto separato per € 9 al mese. P2P, VoIP e USENET sono espressamente vietati e rischiano l'annullamento del tuo piano, nonché la perdita del credito di chiamata rimanente sul tuo account. Poiché il piano non è commercializzato da Orange, il personale dei punti vendita e gli operatori delle hotline spesso non ne sono a conoscenza e il sito web di Orange contiene pochissime informazioni al riguardo. Se il tuo francese è scarso, esistono istruzioni dettagliate di terze parti.



Altri progetti


Stati d'Europa
 

  Albania ·   Andorra ·   Armenia[1] ·   Austria ·   Azerbaigian[2] ·   Belgio ·   Bielorussia ·   Bosnia ed Erzegovina ·   Bulgaria ·   Cipro[1] ·     Città del Vaticano ·   Croazia ·   Danimarca ·   Estonia ·   Finlandia ·   Francia ·   Georgia[2] ·   Germania ·   Grecia ·   Irlanda ·   Islanda ·   Italia ·   Lettonia ·   Liechtenstein ·   Lituania ·   Lussemburgo ·   Macedonia del Nord ·   Malta ·   Moldavia ·   Principato di Monaco ·   Montenegro ·   Norvegia ·   Paesi Bassi ·   Polonia ·   Portogallo ·   Regno Unito ·   Repubblica Ceca ·   Romania ·   Russia[3] ·   San Marino ·   Serbia ·   Slovacchia ·   Slovenia ·   Spagna ·   Svezia ·   Svizzera ·   Ucraina ·   Ungheria

Stati de facto indipendenti:   Abcasia[2] ·   Artsakh[1] ·   Cipro del Nord[1] ·   Doneck ·   Kosovo ·   Lugansk ·   Ossezia del Sud[2] ·   Transnistria

Dipendenze danesi:   Fær Øer

Dipendenze britanniche: Regno Unito  Akrotiri e Dhekelia[1] ·   Gibilterra ·   Guernsey ·   Jersey ·   Isola di Man

Stati marginalmente europei:   Kazakistan[3] (Atyrau, Kazakistan Occidentale) ·   Turchia[3] (Tracia orientale)

  1. 1,0 1,1 1,2 1,3 1,4 Stato o dipendenza fisicamente asiatico ma generalmente considerato europeo sotto il profilo antropico
  2. 2,0 2,1 2,2 2,3 Stato con territorio del tutto o in parte in Asia secondo le diverse convenzioni geografiche
  3. 3,0 3,1 3,2 Stato con la maggior parte del proprio territorio in Asia
 Usabile: l'articolo rispetta le caratteristiche di una bozza ma in più contiene abbastanza informazioni per dare un'idea generale sullo Stato. Offre informazioni sulla cultura e sulle principali attrazioni presenti.