Apri il menu principale
Marano Lagunare
Veduta di Marano dal porto
Stato
Regione
Territorio
Altitudine
Superficie
Abitanti
Nome abitanti
Prefisso tel
CAP
Fuso orario
Patrono
Posizione
Mappa dell'Italia
Marano Lagunare
Marano Lagunare
Sito istituzionale

Marano Lagunare è una città del Friuli-Venezia Giulia.

Da sapereModifica

Cenni geograficiModifica

Marano dà il proprio nome all'area occidentale della laguna adriatica del Friuli-Venezia Giulia, che nella sua parte orientale viene chiamata Laguna di Grado. Dista 34 km da Lignano Sabbiadoro, 35 da Grado, 25 da {{Palmanova]], 28 da Aquileia, 20 da Latisana.

Cenni storiciModifica

Abitata già in epoca romana, fu sede di un sinodo nel 590, che sancì lo scisma tricapitolino da parte del patriarca di Aquileia e della sua provincia ecclesiastica. Assoggettata ad Aquileia fin dalla prima metà dell'XI secolo, la località fu contesa dal Sacro romano impero e da Venezia nei primi decenni del Cinquecento. Passò definitivamente sotto il dominio della Serenissima nel 1543.

Come orientarsiModifica

Come arrivareModifica

In aereoModifica

 

In autoModifica

  •   Autostrada A4:
- per i provenienti da Udine / Trieste, l'uscita consigliata è San Giorgio di Nogaro; proseguire in direzione zona industriale Ausa-Corno, svoltare poi a destra per Carlino, Marano;
- per i provenienti da Venezia, l'uscita consigliata è Latisana; seguire la statale 14 in direzione Trieste fino a Muzzana del Turgnano, svoltare poi a destra per Marano.

In naveModifica

  •   Durante il periodo estivo è attivo un servizio di collegamento via mare a Lignano Sabbiadoro con motobarca di linea della SAF[1].

In trenoModifica


Come spostarsiModifica


Cosa vedereModifica

 
La Torre Millenaria
 
Palazzo dei Provveditori
  • Loggia. A Marano Lagunare troviamo ancora oggi tantissimi edifici dell'epoca della Serenissima, ed il più importante è la Loggia Maranese, una loggia chiusa con bugnato in pietra d'Istria, dove la comunità si riuniva. Un tempo sopra di essa sorgeva il Palazzo Comunale, sede delle principali decisioni, crollato nel Settecento per scarsa manutenzione.
  • 1 Torre Millenaria. Accanto alla Loggia si innalza la cosiddetta Torre Millenaria, alta 32 metri, di cui si hanno le prime notizie nel 1066. È probabile che in principio fosse una torre d'avvistamento. Tutti i suoi lati sono ornati da busti di vari provveditori del paese. La Torre è stata gravemente danneggiata dal terremoto del 1976; e la parte superiore è stata ricostruita.
  • Palazzo dei Provveditori. Si trova sulla stessa piazza della Torre; antica abitazione dei governatori della fortezza, oggi ospita una mostra di oggettistica.
  • Bastione di Sant'Antonio. Anticamente tutto il paese era circondato da un sistema di mura, abbattute nell'Ottocento; il bastione è la sola parte superstite, assieme a poche altre tracce.
  • Chiesa di San Martino, via Sinodo. Risalente al Settecento e custodiva dei reliquiari con presunti resti di San Vito, patrono cittadino, rubati durante la prima guerra mondiale.
  • 2 Chiesa della Madonna della Salute. Poco distante dal centro, conserva la statua che si porta in processione in barca il 15 agosto con cadenza triennale.
  • 3 Isola di Martignano (Isola delle Conchiglie). È un'isola nella Laguna di Marano. Si trova molto vicino alla penisola di Lignano Sabbiadoro, ed è per questo visitata d'estate da numerosi turisti. Grossa barena sedimentale, più nota come "isola delle conchiglie" è ricchissima di flora e fauna; rappresenta un luogo ideale per gli escursionisti amanti della natura incontaminata, che la frequentano assiduamente durante tutta l’estate. Il suo litorale verso il mare aperto è composto da sabbia dorata.
Oltre che per la balneazione in acque pulitissime, i bagni di sole, le passeggiate al suo interno alla ricerca di qualche specie avicola rara, o la raccolta di splendide conchiglie che il mare riporta sulla spiaggia, l’isola è meta abituale di "Kiters" poiché ha brezze ideali per gli amanti di questo sport, che ne hanno fatta la loro sede abituale.    


Eventi e festeModifica

  • Festa di San Vito.   in giugno. In occasione della festa del patrono della Laguna di Marano si tiene una suggestiva processione in barca.
  • Festa della Beata Vergine della Salute.   il 15 agosto con cadenza triennale. La statua della Beata Vergine della Salute viene portata processionalmente al molo per essere posta su una barca che si dirige alla chiesetta del cimitero; da qui, a tarda sera, l'immagine sacra fa ritorno alla parrocchiale sempre in barca.


Cosa fareModifica

  • Escursioni sulle isole della Laguna. soprattutto all'isola di Martignano.
  • Kitersurf. Praticato soprattutto nell'isola di Martignano.


AcquistiModifica


Come divertirsiModifica


Dove mangiareModifica

Prezzi mediModifica


Dove alloggiareModifica

Prezzi mediModifica


SicurezzaModifica

  Farmacia


Come restare in contattoModifica

PosteModifica


Nei dintorniModifica

  • Palmanova — Città fortezza pianificata dai veneziani nel 1593 a difesa dei suoi confini con l'impero austriaco, è chiamata la città stellata per la sua pianta poligonale a stella con 9 punte. Dal 1960 è monumento nazionale.
  • Aquileia — Fu importante città romana; la sua area di scavi di quell'epoca è sicuramente unica nel contesto regionale per importanza, qualità e quantità di testimonianze, e si colloca a buon diritto fra le destinazioni archeologiche di grande rilevanza a livello nazionale. Fu in seguito il più importante centro della regione in epoca medievale; il Patriarcato di Aquileia raggiunse l'apice del suo splendore nei primi decenni del Mille: ci è rimasta la sua splendida Basilica romanica.
  • Lignano Sabbiadoro — Centro balneare con svariate opportunità di svago.
  • Grado — Già porto romano per i commerci di Aquileia, l'antica città lagunare ha un centro storico di tutto rispetto. In epoca contemporanea ha sviluppato un'importante attività balneare.


Altri progetti

  Bozza: l'articolo rispetta il template standard contiene informazioni utili a un turista e dà un'informazione sommaria sulla meta turistica. Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.