Differenze tra le versioni di "Isola di Pasqua"

8 753 byte aggiunti ,  6 anni fa
https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Isola_di_Pasqua&oldid=69910258
m (→‎Come spostarsi: Bot: Con i mezzi pubblici -> Con mezzi pubblici)
(https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Isola_di_Pasqua&oldid=69910258)
}}
 
'''Isola di Pasqua''' (''Rapa Nui,'' o ''Isla de Pascua'') è un'isola [[cile]]na situata nell'oceano Pacifico.
 
== Introduzione ==
<!--=== Cenni geografici ===-->
L'Isola di Pasqua è un'isola dell'Oceano Pacifico meridionale appartenente al [[Cile]]. Situata a 3.601 km a ovest delle coste del Cile e 2.075 km a est delle [[Isole Pitcairn]], è una delle isole abitate più isolate del mondo.
 
L'Isola di Pasqua è situata sulla dorsale pacifica dalla quale prende origine. La costa si abissa quindi rapidamente nei dintorni dell'isola fino a profondità che possono raggiungere i 3000 metri. A causa delle sue origini vulcaniche l'isola si è formata su di una base basaltica tipica per le dorsali oceaniche e non vanta quindi molte spiagge ma è invece caratterizzata per la maggior parte da ripide scogliere.
 
La sua forma ricorda vagamente quella di un triangolo rettangolo, con una lunghezza massima di 24 chilometri e una larghezza massima di 13 chilometri. Le tre elevazioni principali sono date da tre coni di vulcani spenti, che sono il '''Rano Kau''', il '''Maunga Puakatiki''' e il '''Maunga Terevaka'''. Quest'ultimo raggiunge un'altezza di 509 metri ed è pertanto il punto più elevato di tutta l'isola.
 
Nella zona meridionale dell'isola si trovano infine tre isole minori ('''Motu Iti''', '''Motu Kau Kau''' e '''Motu Nui''') che invece sono disabitate. L'arcipelago più vicino all'Isola di Pasqua è l'arcipelago delle isole Austral, con le isole di Tubuai e Rapa.
 
A causa della sua posizione l'Isola di Pasqua gode di un clima subtropicale con temperature medie che si aggirano intorno ai 21 gradi centigradi e con uno sbalzo termico quasi nullo tra una stagione e l'altra. L'isola è quindi esposta per la maggior parte dell'anno all'aliseo, che soffia in direzione nord est.
 
==== Flora ====
L'Isola di Pasqua con le sue sole 48 specie vegetali native è una tra le isole più povere di specie vegetali in tutta l'area del Sud Pacifico. L'isola infatti è situata in una zona lontana dalla costa e in tutta la sua storia geologica non ha mai goduto di un collegamento con la terraferma, mentre la maggior parte delle correnti oceaniche che interessano l'isola provengono da occidente e non portano pertanto semi dalla terraferma. Anche il contributo da parte delle specie di uccelli migratori che popolano l'isola è stato modesto.
 
Si ritiene perciò che la maggior parte delle piante attualmente presenti sull'Isola di Pasqua sia stata importata dall'uomo. Tale teoria trova inoltre conferma sia nella leggenda locale di Hotu Matu'a (Grande Genitore), secondo la quale furono gli uomini a portare le piante, sia nei diari dei primi europei che visitarono tale isola, secondo i quali la popolazione locale disponeva al momento del loro arrivo già di proprie coltivazioni, che venivano usate per il sostentamento umano e come fonte di mangime animale.
 
Le specie di felci sull'isola sono quindici, di cui quattro endemiche.
 
Tra le piante indigene esistenti sull'Isola di Pasqua spicca anche la Triumfetta semitriloba, un arbusto dalle piccole dimensioni che appartiene alla famiglia delle Tiliaceae. Questa è probabilmente, in accordo con alcuni studi, una delle prime piante che circa 35.000 anni fa popolò l'isola. In passato questa pianta veniva utilizzata per tessere le reti dei pescatori.
 
Venendo al paesaggio odierno nel complesso, questo è prevalentemente occupato da ampie praterie, popolate perlopiù da Poaceae, Cyperaceae e da Asteraceae, alle quali si aggiungono alcune piante di eucalipto (di origine [[australia]]na) nella zona meridionale dell'isola, frutto di alcuni tentativi, condotti negli ultimi decenni, di impiantare foreste di eucalipto.
 
Il forte vento che spira quasi tutto l'anno sull'isola rende pressoché impossibile la coltivazione di piante sensibili, e ha reso necessario attuare particolari accorgimenti affinché queste piante potessero essere coltivate. Come all'epoca, anche oggi alcune piante di banano vengono coltivate all'interno delle caldere che, essendo riparate dal vento, dispongono di un microclima favorevole alla crescita di questa pianta.
 
==== Fauna ====
Come la flora anche la fauna dell'isola ha risentito notevolmente della presenza degli esseri umani e della sua posizione isolata. Secondo le ricerche condotte negli ultimi anni, l'Isola di Pasqua prima della colonizzazione umana era abitata da almeno 25 specie di uccelli marini e da 6 specie di uccelli terrestri. Nessuna specie terrestre è sopravvissuta all'estinzione, e delle specie marine ne rimane solo una sull'isola.
 
I mammiferi che vivono sull'isola quali cavalli, pecore, mucche e maiali sono tutti stati importati dagli uomini, come del resto è avvenuto anche per i ratti, importati in varie fasi della storia dell'isola. Si ritiene che il ratto polinesiano (Rattus exulans) sia stato importato sull'Isola di Pasqua come animale da macello dai primi coloni e che solo successivamente, con la scoperta da parte degli europei, sia stato importato il ratto marrone (Rattus norvegicus), che entrò in competizione con il ratto polinesiano causandone l'estinzione.
 
Per quanto riguarda invece la famiglia dei rettili. l'isola è abitata dalla lucertola ''Ablepharus boutonii'', che sull'isola viene anche chiamata '''moco'''. L'animale misura all'incirca una lunghezza di 12 cm e ha un colore marrone chiaro.
 
Di particolare interesse è infine una curiosa specie di gasteropode (una lumaca) che esiste solamente sull'Isola di Pasqua e sull'isola di Sala y Gómez: la Cypraea englerti, così nominata in onore di Sebastian Englert.
 
<!--=== Quando andare ===-->
<!--=== Cenni storici ===-->
L'isola si doveva presentare come una immensa foresta di palme. La popolazione rimase numericamente modesta e sostanzialmente in equilibrio con le risorse naturali presenti. In seguito, però, nacque da parte degli abitanti la necessità di costruire i moai, il cui sistema di trasporto richiedeva notevoli quantità di legname. Cominciò pertanto un importante lavoro di disboscamento dell’isola che fu ulteriormente intensificato dopo il sensibile aumento della popolazione dovuto a nuovi sbarchi. La riduzione della risorsa forestale provocò un inasprimento dei rapporti sociali interni che sfociarono talora in violente guerre civili. Le condizioni di vita sull'isola divennero pertanto proibitive per la poca popolazione rimasta, in gran parte decimata dagli scontri interni e dai flussi emigratori.
<!--=== Lingue parlate ===-->
 
A spiegazione della precoce perdita di alberi dell’isola, oggi si sono portate avanti anche ipotesi riguardanti la possibile responsabilità dei ratti del tipo polinesiano che colonizzarono al seguito dei polinesiani attorno al 1500 oppure altri ratti che raggiunsero l’isola dopo il 1700 d.C., con gli sbarchi dei primi europei. L'assenza di predatori naturali, permise a questi piccoli mammiferi di moltiplicarsi a dismisura e, considerato che nella loro dieta alimentare entrarono immediatamente anche i semi di palma, si ritiene che abbiano potuto contribuire all’estinzione degli alberi dell’isola.
<!--=== Lingue parlate ===-->
Le lingue parlate nell'isola sono quella nativa, il Rapa Nui, e quella nazionale [[cile]]na, lo [[spagnolo]].
 
=== Cultura e tradizioni ===
Nonostante le ricerche condotte negli ultimi anni il loro scopo non è tuttora noto con certezza. Secondo studi più recenti le statue rappresenterebbero capi tribù indigeni morti, e secondo la credenza popolare avrebbero permesso ai vivi di prendere contatto con il mondo dei morti.
{{-}}
 
== Come arrivare ==
=== In aereo ===
[[File:Mataveri Airport Easter Island Chile.jpg|thumb|L'aeroporto di Mataveri sull'isola di pasqua]]
L'Isola di Pasqua è raggiungibile via mare o con la compagnia aerea Lan direttamente da Santiago (saltuariamente Via Lima) e una volta a settimana da [[Tahiti]] (2014).
Il turismo ha raggiunto l'isola di Pasqua solamente a partire dal 1967, quando il primo volo commerciale raggiunse quest'isola remota. A tutt'oggi, però, l'Isola di Pasqua può essere raggiunta durante tutto l'anno esclusivamente dal [[Cile]] con la compagnia LAN Airlines. I voli decollano normalmente da [[Santiago del Cile]] o, una volta a settimana, da [[Tahiti]] e la durata del volo è intorno alle 5 ore (2014).
 
<!--=== In auto ===-->
<!--=== In nave ===-->
Le possibilità di raggiungere l'isola via mare sono molto limitate: il piccolo porto di [[Hanga Roa]] non è in grado di ospitare grandi navi da crociera che devono quindi far scendere i propri passeggeri al largo per poi portarli sull'isola, tramite motoscafi. A ciò si aggiunge il fatto che il mare in quell'area è sovente molto mosso risultando quindi impossibile raggiungere l'isola.
 
<!--=== In treno ===-->
<!--=== In autobus ===-->
<!--=== Con mezzi pubblici ===-->
<!--=== In taxi ===-->
<!--=== In auto ===-->
I centri abitati di Mataveri e Hanga Roa sono infine collegati da una strada asfaltata che prosegue fino alla penisola di Poike passando anche per la spiaggia di Anachena.
{{-}}
 
 
== Dove alloggiare ==
Nonostante le dimensioni ridotte dell'isola e il numero di turisti inferiore rispetto alle altre isole polinesiane, l'isola di Pasqua può vantare un vasto numero di alberghi e resort che si offrono un'ampia fascia di prezzi. Il costo della vita sull'isola risulta comunque più elevato rispetto a quello sulla terra ferma in [[Cile]], dal momento che tutti i beni presenti sull'isola devono essere importati.
 
<!--=== Prezzi modici ===-->
<!--* {{sleep
 
== Sicurezza ==
Sull'isola sono presenti: un piccolo ospedale per le emergenze, un dentista e farmacie.
{{-}}
 
== Come restare in contatto ==
<!--=== Poste ===-->
<!--=== Telefonia ===-->
Su tutta l'isola funzionano sia telefoni satellitari che cellulari.
<!--=== Internet ===-->
 
<!--=== Internet ===-->
L'isola dispone anche di collegamenti internet.
{{-}}